il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita e onesta

Il deputato regionale del Movimento Cinque Stelle ha presentato un’interrogazione

De Luca (M5S) : «Dominio gestionale della Città metropolitana di Messina» . La replica del Sindaco

Stampa
 Il Movimento Cinque Stelle denuncia l’assenza di partecipazione nella gestione della Città metropolitana di Messina,da troppo tempo ormai affidata a due soli uomini al comando: il sindaco metropolitano, funzione svolta dal primo cittadino del Comune capoluogo, e il commissario straordinario
 In una interrogazione indirizzata al Presidente della Regione, Nello Musumeci, e all’Assessore per le Autonomie locali e Funzione Pubblica, Marco Zambuto, il deputato regionale Antonio De Luca accende i riflettori sul caso Messina e ricorda che con Decreto Presidenziale della Regione Siciliana n. 576 del 2 luglio 2018 sono state affidate al Sindaco pro tempore del Comune peloritano le funzioni del Sindaco Metropolitano e quelle della Conferenza Metropolitana, organo collegiale con poteri propositivi e consultivi di cui avrebbero dovuto far parte tutti i sindaci dei comuni appartenenti alla Città metropolitana. «Tale situazione, consentita dal summenzionato D.P.R.S. ma contraria allo spirito e alla lettera della legge istituiva delle Città Metropolitane- si legge testualmente nell’interrogazione - perdura ormai da tre anni e di fatto ha escluso i Sindaci degli altri 107 Comuni della Provincia di Messina da qualsiasi forma di partecipazione e controllo». Oltre alla Conferenza Metropolitana, c’è un altro organo collegiale previsto dalla legge istituiva delle Città Metropolitane rimasto al momento sulla carta, e cioè il Consiglio metropolitano, che nelle intenzioni del legislatore è chiamato a svolgere funzioni di indirizzo politico e di controllo e dev’essere composto da 15 consiglieri, scelti con elezione di secondo livello tra i Sindaci e i Consiglieri Comunali dei 108 Comuni.Come evidenzia l’on. De Luca nella sua interrogazione, la Regione - con decreto del Presidente della Regione Siciliana n. 511/GAB del 17 febbraio 2020 - ha sostituito il Consiglio metropolitano,mai eletto nonostante i tanti rinvii, con la figura del Commissario straordinario della Città Metropolitana di Messina. «Tale situazione gestionale- attacca senza mezzi termini il deputato regionale Antonio De Luca - è anomala e paradossale in quanto si concretizza in una sorta di dominio gestionale quasi monocratico con l’esclusione dello stesso territorio metropolitano e dei suoi rappresentanti». A propositodel Commissario straordinario della Città Metropolitana di Messina, Santi Trovato, a suo tempo nominato e attualmente in carica, il portavoce pentastellatosi interroga sull’opportunità del ruolo conferitogli ,visto che«non risulta essere più dirigente regionale o di ente regionale, ma risulta essere stato nominato, dopo selezione pubblica, direttore generale dell'Amams.p.a., che ha come socio unico il Comune di Messina e che ha rapporti con l' A.T.I. (Ambito Territoriale Idrico) istituito presso la stessa Città Metropolitana». Alla luce di quanto evidenziato nella sua interrogazione , il deputato Antonio De Luca interroga quindi il presidente Musumeci e l’Assessore Zambuto per sapere «se e in che maniera intendano intervenire in modo da attivare un meccanismo di controllo e gestione effettivamente partecipata degli organi istituzionali della Città Metropolitana, anche mediante l’attivazione della Conferenza Metropolitana e la modifica dei provvedimenti sinora assunti circa le doppie funzioni del Sindaco Metropolitano di area vasta». Il parlamentare regionale del M5S chiede infine di sapere «se, nelle more, il Presidente della Regione Siciliana intenda nominare un nuovo Commissario straordinario», visto che il mandato dell’attuale Commissario scadrà il 15 settembre, vale a dire domani.
La replica del Sindaco Cateno De Luca 
In merito alla interrogazione del deputato regionale on. De Luca (M5S),di cui alla nota stampa*“De Luca (M5S) denuncia: dominio gestionale quasi monocratico della Città Metropolitana di Messina”*, si ritiene opportuno precisare: 
1. il Sindaco Metropolitano è di diritto il Sindaco del Comune capoluogo in forza della legge regionale n. 15 del 2015 e successive modifiche e integrazioni, che attua in Sicilia la cosiddetta “legge Delrio” (L. n. 56 del 2014) ; 
2. lo stesso Sindaco Metropolitano in Sicilia svolge le funzioni attribuite alla Conferenza Metropolitana in base al Decreto del Presidente della Regione Siciliana n. 576 del 02/07/2019;
 3. le funzioni del Consiglio Metropolitano, nelle more delle elezioni di secondo livello, differite più volte dal 2013 sempre con leggi regionali, sono in atto svolte dall’Ing. Santi Trovato, giusto decreto di nomina del Presidente della Regione Siciliana n. 541 del 29/05/2020.
Pertanto, il cosiddetto /“dominio gestionale quasi monocratico della Città Metropolitana di Messina”/è frutto di scelte legislative nazionalie regionali, che interessano non solo la Città di Messina, ma anche Palermo e Catania e tutte le ex-province siciliane (ora Liberi Consorzi Comunali).In qualunque caso, si segnala che l’attività di questa Amministrazione estata da sempre improntata a garantire i rapporti con tutti i Sindaci dei Comuni, tanto da avere organizzato numerosi incontri, sia a livello comprensoriale, sia a livello comunale, per discutere e condividere direttamente gli obiettivi della programmazione strategica e dello sviluppo locale, anche sulla spinta per l’attuazione delMasterplan, del bando periferie, degli accordi di programma stipulaticon i Comuni, singoli o associati, e del Piano Strategico Metropolitano,che nel prossimo futuro dovranno confluire nelle missioni del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.Si precisa, infine,che la Città Metropolitana non fa parte dell'assemblea Territoriale Idrica, né ha rapporti con AMAM spa, come sipuò facilmente verificare in base alla disciplina in materia di risorse idriche di cui all’art. 3 comma 2 della legge regionale n. 19/2015.
martedì 14 settembre 2021


    Vai a pagina
    segui il meteo