il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita e onesta

Del fondo di 660 milioni previsto nel DL Sostegni Bis

La dichiarazione dell’On. Navarra sulla ripartizione delle risorse ai Comuni della provincia di Messina

Stampa
Si trasmette dichiarazione dell’On. Navarra sulla ripartizione delle risorse ai Comuni della provincia di Messina.
Per consultare la documentazione completa, è possibile consultare il link https://dait.interno.gov.it/“è stata definita la ripartizione per i Comuni del fondo di 660 milioni previsto nel DL Sostegni Bis per salvare le amministrazioni interessate dalla recente pronuncia della Corte Costituzionale sui Fondi di Anticipazione Liquidità. Queste sono e le risorse, in tutto circa 15,5 milioni di euro, di cui sono destinatari 19 Comuni nella provincia di Messina.
 Capo d’Orlando € 2.444.407,00
Barcellona Pozzo di Gotto € 1.521.018,00
Caprileone € 819.495,00
Castelmola € 576.431,00Torrenova € 529.222,00
Gioiosa Marea € 505.168,00
Terme di Vigliatore € 339.107,00
Tortorici € 283.212,00Piraino € 279.181,00
Acquedolci € 272.025,00
Tripi € 198.536,00
Galati Mamertino € 144.331,00
Naso € 117.300,00
Mirto € 69.333,00
Malvagna € 54.586,00
Limina € 53.363,00
Savoca € 47.317,00
Casalvecchio Siculo € 38.692,00
Frazzanò € 34.952,00 
Sono molto contento di avere sostenuto, con la mia firma, e difeso, con il lavoro parlamentare e l’interlocuzione con il Governo, l’emendamento presentato da tutti i parlamentari del Partito Democratico in Commissione Bilancio. Un emendamento che ha permesso di risolvere le gravi criticità legate all’applicazione della sentenza della Corte Costituzionale che ha cancellato la possibilità per i comuni di restituire in 30 anni le anticipazioni di liquidità concesse per pagare i debiti commerciali. Come ho affermato nella dichiarazione di voto al DL Sostegni bis del gruppo del PD alla Camera dei Deputati che ho svolto in aula qualche giorno fa, sono profondamente soddisfatto per questo risultato che evita a oltre 300 comuni in tutta Italia di deliberare lo stato di dissesto finanziario, assicurando loro il massimo di continuità nell’azione amministrativa ed evitando l’interruzione nell’erogazione dei servizi essenziali resi ai cittadini”.--
mercoledì 28 luglio 2021


    Vai a pagina
    segui il meteo