il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita e onesta

La deputata di Forza Italia denuncia la disattenzione del Governo nei confronti dell'Area dello Stretto

Recovery,Siracusano (FI): la chiamavano alta velocità per il Sud, invece era un calesse

Stampa
A seguire la nota di Matilde Siracusano, deputata di Forza Italia che denuncia la disattenzione del Governo nei confronti dell'Area dello Stretto:
“Il Recovery Plan, secondo quanto emerge dalla bozza pronta ad approdare questa sera in Consiglio dei ministri, è una vera e propria presa in giro nei confronti del Mezzogiorno. Per tutto il Sud viene prevista solo l’alta velocità di rete, cioè treni che nella migliore delle ipotesi dovrebbero viaggiare a 160 km/h, come negli anni ‘70. Altro che la Tav più volte promessa dal governo e dal ministro Provenzano. La chiamavano alta velocità, ed era un calesse. A dir poco vergognoso.Per quanto riguarda, invece, i porti, ci saranno grandi investimenti su Trieste e Genova, e contentini per tutti gli altri, con le realtà calabresi e siciliane completamente ignorate, e con Messina citata solo per una fantomatica ‘riqualificazione energetica’. Naturalmente non c’è neanche l’ombra del Ponte sullo Stretto, l’unica grande opera che potrebbe davvero rilanciare sviluppo, occupazione e turismo per il Meridione, per non parlare dello svuotamento dei fondi di coesione per i prossimi sei anni.Forza Italia non può accettare un simile piano, e lavorerà in Parlamento per riscrivere il Recovery. Tutti i deputati e i senatori del Sud si facciano un serio esame di coscienza e si rifiutino di avallare un simile scandalo”.
martedì 12 gennaio 2021


    Vai a pagina
    segui il meteo