il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita e onesta

Il primo sostenuto dalla lista Vox, il secondo appoggiato da una coalizione composta da Pd, Città Aperta e M5S

Barcellona P.G., confronto tra i candidati a sindaco l’avv. Giuseppe Sottile e il commercialista Antonio Mamì

Stampa
Circa duecento persone hanno partecipato all’evento che si è svolto all’interno della magnifica cornice dell’anfiteatro dell’agriturismo Ararat: il confronto tra i candidati a sindaco del Comune di Barcellona P.G. I protagonisti erano l’avv. Giuseppe Sottile, sostenuto dalla lista Vox, ed il commercialista Antonio Mamì, appoggiato da una coalizione composta da Pd, Città Aperta e M5S. Moderatore il giornalista messinese Giovanni Frazzica, assente l’avv. Pinuccio Calabrò, candidato del centrodestra appoggiato da ben 11 liste. Il confronto tra i due partecipanti, prescindendo dall’assenza del terzo concorrente, si è sviluppato serenamente sulla base di queste domande: cosa vorreste fare nei primi 60 giorni del vostro mandato; la vostra idea di sviluppo della Città; l’Aeroporto; l’Ospedale; quanto pesa l’ideologia sul voto amministrativo. I candidati hanno risposto con impegno e passione, dimostrando anche di avere competenze e visione complessiva delle problematiche. Talvolta si sono trovati d’accordo, come ad esempio sulla rivisitazione dell’Ospedale che deve essere fatta non in una logica di guerra di campanile con Milazzo, ma in un’ottica diversa che è quella di creare eccellenze sanitarie sul territorio nell’interesse del cittadino. Qualche leggero distinguo sull’Aeroporto, dove si è tutti d’accordo, tuttavia Mamì ha introdotto il concetto di “costi benefici” che, come si ricorderà per altre vicende (Tav), non è elemento di facilitazione della realizzazione di grandi opere. Grande atAttenzione alla cultura, stimolata anche dall’intervento di Giuseppe Pollicino, uno degli interventi del pubblico, che non deve fermarsi solo all’interesse per il Teatro Mandanici, e l’impegno di tutti, molto apprezzato dai numerosi presenti, a rivedersi, a prescindere dall’esito elettorale, per mettere a punto un progetto Sanità collegato, col destino dell’Ospedale Cutroni Zodda, da realizzare in sinergia col Fogliani di Milazzo e con la partecipazione delle Autorità sanitarie provinciali e regionali. 
Tra il pubblico diversi esponenti della sinistra barcellonese come lo storico attivista Felice Mancuso, il Segretario del Psi, Cosimo Recupero, e l’ex sindaco Maria Teresa Collica.
lunedì 21 settembre 2020


    Vai a pagina
    segui il meteo