il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita e onesta

La maggioranza, in Commissione Bilancio a Montecitorio, ha bocciato gli emendamenti presentati dal gruppo Forza Italia al decreto rilancio in merito alla realizzazione del Ponte sullo Stretto di Messina

Dl Rilancio, Siracusano (FI): maggioranza dice ‘no’ a Ponte Stretto . Nota di Sciotto (Fapi)

Stampa
La maggioranza, in Commissione Bilancio a Montecitorio, ha bocciato gli emendamenti presentati dal gruppo Forza Italia al decreto rilancio in merito alla realizzazione del Ponte sullo Stretto di Messina.
I partiti che sostengono il Conte Bis - smentendo tra l’altro le aperture fatte nelle scorse settimane dei ministri Franceschini e De Micheli - hanno rifiutato persino l’ipotesi di avviare un’analisi costi/benefici sulla costruzione di questa grande opera.Partito democratico, Movimento 5 Stelle e sinistra confermano la loro tradizione anti-imprese, anti-crescita e anti-sviluppo. Il Paese riparte solo con investimenti coraggiosi e con infrastrutture strategiche. A questo governo, invece, interessa solo vivacchiare e creare un popolo di sussidiati”.Così Matilde Siracusano, deputata di Forza Italia.
Ponte Stretto, Fapi: Governo Conte chiarisca su realizzazione operaPalermo, -
 "E’ inammissibile quanto deciso dai deputati che sostengono il Governo Conte, in Commissione Bilancio, che hanno bocciato gli emendamenti al decreto rilancio in merito alla realizzazione del Ponte sullo Stretto di Messina”.Lo dichiara, in una nota, il presidente nazionale della Fapi (Federazione autonoma piccole imprese), Gino Sciotto.“Si tratta di un’opera strategica per il Mezzogiorno e per la Sicilia – aggiunge il leader della Fapi - che deve essere realizzata al più presto, perché rappresenta una grande occasione per attrarre nuovi investimenti nell’Isola. Le imprese senza mobilità di merci e persone non possono contribuire alla crescita e allo sviluppo del territorio. Chiediamo al Governo Conte di chiarire se il Ponte di Messina è un progetto da realizzare, come sostenuto dal ministro Franceschini, o invece deve restare ancora per alcuni anni una promessa elettorale”, 
giovedì 2 luglio 2020


    Vai a pagina
    segui il meteo