il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita e onesta

I piccoli discenti del plesso rischiano di vedere la porta chiusa

Plesso Materna Matteotti, Laimo: potrebbe non riaprire in tempo. La replica di Mondello

Stampa
I piccoli discenti del plesso distaccato Matteotti facente parte dell'Istituto Comprensivo Statale Boer-Verona Trento, rischiano di vedere la porta chiusa domattina e non potranno riabbracciare compagnetti e maestre, poiché purtroppo manca ancora la Sanificazione e la Pulizia dello stesso plesso.In agitazione le famiglie dei piccoli discenti che hanno immediatamente contattato il Consigliere della V Municipalità Franco Laimo (presidente della Commissione Politiche Sociali e Scolastiche della V Circoscrizione); lo stesso consigliere ha immediatamente contattato l'Ass.re Salvatore Mondello che si è reso disponibile alla risoluzione della problematica.Laimo inoltre fa sapere che stamani (15/09/2021), dopo aver interloquito anche con il Dirigente Scolastico del Plesso, il Prof. Santo Longo, ha inviato una nota ufficiale all'Amministrazione, nella quale si richiedeva un intervento urgente ed improcrastinabile di Sanificazione e pulizia dello stesso plesso distaccato Matteotti facente parte dell'Istituto Comprensivo Statale Boer-Verona Trento, al fine di evitare e scongiurarne la mancata ripresa dell'anno scolastico 2021/2022 prevista per domani 16/09/2021, così come da calendario Regionale.Un'altra nota è stata inviata all'Amministrazione anche da una delegazione degli stessi genitori.Laimo infine ricorda che, dopo una proficua collaborazione fra le istituzioni, lo stesso plesso è stato ristrutturato proprio pochi mesi fa, e grazie alla sua ubicazione strategica, tale scuola è molto richiesta da tante famiglie, al fine di inserire i propri figli in tale struttura scolastica; è inoltre un plesso molto ampio, accogliente, con sala mensa, palestra e cortile esterno.Adesso si attende un intervento risolutivo al fine di permettere agli stessi bambini di potersi ritrovare domani, ricordando che la Scuola è vita e socializzazione. 
  La replica dell'assessore Mondello 
“Ho portato a compimento di recente, l’ennesimo monitoraggio complessivo sugli interventi di Edilizia scolastica, effettuando personalmente i sopralluoghi e interagendo direttamente con i Dirigenti degli istituti, in vista dell’inizio delle attività didattiche. E’ stata stilata una lista di priorità di interventi tecnici, a cui si è dato e si sta dando seguito, come del resto avviene costantemente nell’ambito dell’espletamento della mia delega. In questa delicata fase, sono state chiarite le esigenze primarie di ogni istituto. Nella fattispecie, la sanificazione è un atto meramente gestionale, che peraltro esula totalmente dalla mia delega. Io mi occupo di Edilizia, dunque non di igiene e sanità, né di ambiente, né di composizione di classi, aperture o chiusure di istituti. Tuttavia, la mia consueta disponibilità, spesso mi ha portato a collaborare nella risoluzione di questioni che non mi competono direttamente e quindi a riscontrare istanze di genitori, Consiglieri e via dicendo. Sono abituato a rispondere e dialogare, spesso a prescindere dalle mie deleghe specifiche. In questo caso infatti ho interloquito con il Dirigente Scolastico, che a sua volta ha contattato i Dipartimenti competenti, traendo le conclusioni che sono apparse più opportune; mi rammarica quindi essere stato tirato in ballo per questioni non attinenti al mio operato e su decisioni nel merito delle quali non posso entrare. Devo purtroppo rilevare che, nonostante tre anni di Amministrazione, ai più non sono ancora chiare le deleghe di ogni Assessore della Giunta; sarebbe opportuno approfondire preventivamente le competenze di ogni ufficio, per evitare disinformazione, appesantimenti delle attività degli uffici e spiacevoli contrattempi. Nonostante ciò, continuo a garantire il mio impegno al servizio della comunità, come ho sempre fatto”.
mercoledì 15 settembre 2021


    Vai a pagina
    segui il meteo