il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita e onesta

L'istanza inviata al Presidente del Senato della Repubblica al Ministro delle Infrastrutture, al Questore ,al Prefetto Messina

Biancuzzo rinnova la richiesta di eliminazione pagamento pedaggio di Villafranca

Stampa
Il Rag. Mario Biancuzzo Consigliere VI Circoscrizione Comune di Messina scrive al Presidente del Senato della Repubblica al Ministro delle Infrastrutture, al  Questore ,al  Prefetto Messina per rinnovare la  richiesta eliminazione pagamento pedaggio località Messina Nord Comune di Messina, che chiamano erroneamente o volutamente Villafranca
 Si fa seguito alla disastrosa situazione in cui versa il tratto della tangenziale, che collega Messina Nord con il centro della città. Da un lato, i cittadini che percorrono questa tratta si ritrovano inspiegabilmente a pagare, un €1,20 centesimi per compiere circa 6 km, senza motivo alcuno, un pedaggio assurdo, illegittimo ed insensato che non ha precedenti in nessuna parte del mondo. Non c’è petizione che tenga, non c’è politica o buon senso che abbia potuto ripristinare legalità e normalità in questa sventurata città. Dall’altro lato, consideriamo che anno dopo anno la tratta Messina Nord – Boccetta è carente di sicurezza e di manutenzione, visto che i lavori in corso si perdono nella notte dei tempi non ricordiamo più quando sono iniziati, ma soprattutto continuiamo a non sapere se e quando finiranno. A tutte le ore del giorno si cammina in fila indiana e ricordo che ci troviamo in autostrada laddove il limite di velocità è sancito dalle norme del codice della strada, ma ovviamente gli automobilisti in transito lo violano, tutti incolonnati su una sola carreggiata obbligati dai lavori infiniti che impediscono la normale viabilità mettendo a repentaglio l’incolumità, pregiudicando in modo definitivo l’immagine della nostra terra compromettendo anche la pazienza dei “Santi”. Aggiungo che nel caos più totale di ore interminabili di file in autostrada non c’è ne re ne regno e neanche la presenza della Protezione Civile. Come un disco rotto insisto e persisto che nell’aggravarsi delle molteplici criticità della tangenziale Messina Nord - Boccetta e viceversa diventa insopportabile pagare per un servizio del tutto assente per le ragioni già esposte in trentenni di raccomandate inviate dal sottoscritto a tutti gli Organi Istituzionali. Insisto ancora e chiedo, l’eliminazione della tabella ingannevole e che venga rilasciata una ricevuta, a richiesta, non falsa. E’ inaudito che le Istituzioni preposte facciano finta di non capire e di non sapere che la città di Messina è sottoposta ad una discriminazione inaccettabile perché far pagare i cittadini residenti nello stesso territorio non è soltanto discriminatorio e vessatorio ma un vero e proprio abuso perpetrato ai danni del territorio, dei cittadini e non di meno nei confronti di qualsivoglia normativa, considerando la petizione effettuata per l’abolizione del pedaggio e le innumerevoli sollecitazioni effettuate da parte del sottoscritto nei confronti delle varie Istituzioni locali e statale. Ritengo che sia giunta l’ora ci coinvolgere la Magistratura. 
mercoledì 28 luglio 2021


    Vai a pagina
    segui il meteo