il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita e onesta

Presentato il progetto, anche, degli svincoli

Centro commerciale di Zafferia: una risorsa o un ecomostro?

Stampa
E' stato presentato a Palazzo Zanca, alla presenza del Sindaco Cateno De Luca e degli Assessori Dafne Musolino e Salvatore Mondello, il progetto relativo alla realizzazione del Centro Commerciale di Zafferia e delle opere di urbanizzazione per il connesso svincolo autostradale.
All’incontro sono stati presenti, anche, i rappresentanti delle due società, rispettivamente l’Amministratore Unico di Iniziative Commerciali ITC srl Pietro Griffini e Carlo Ignazio Fantola per CCR srl del gruppo Immobiliareuropea spa, firmatari del protocollo di legalità ed, inoltre, l’avvocato Nicolò D’Alessandro che ha seguito l’iter per il rilascio del PdC, e l’architetto Corrado Rossetti amministratore delegato della Rossetti Engineering S.r.l., società che ha curato il Progetto. insieme ai progettisti.
Grazie al dott. Fantola che nonostante le remore ci ha concesso credito – ha detto il Sindaco De Lucaabbiamo recuperato un progetto di 100 milioni di euro che era rimasto bloccato in pastoie burocratiche dal lontano 2008, come del resto le 200 lottizzazioni programmate e mai realizzate, perché in quelle palazzine chissà chi ci abita. In tre anni grazie alla strategia di questa Amministrazione, in particolare io che sono andato ad indagare tavolo per tavolo cosa si fosse  inceppato, perché ad ogni "tavolo", ha sottolineato il primo cittadino, bisogna dare un incentivo, siamo giunti a questo risultato. Abbiamo lavorato e ringrazio gli Assessori Dafne Musolino e Salvatore Mondello che hanno seguito nel dettaglio l’iter progettuale. Tengo ad evidenziare che negli accordi sottoscritti con le precedenti Amministrazioni la Società aveva raggiunto un’intesa per cui sarebbero stati scomputati dal costo di costruzione non soltanto le opere di urbanizzazione, ma anche il costo della costruzione vera e propria. Nel momento in cui si sono ripresi i contatti con la Società e abbiamo lavorato per portare avanti il progetto, si è evidenziato invece che il costo di costruzione non può essere scomputato in quanto trattandosi di un intervento privato la normativa non consente la detrazione di tale costo, grazie, soprattutto, all'intervento del Segretario generale. Il Comune di Messina, quindi, ha guadagnato 2 milioni e 300 mila euro. In merito allo svincolo di Zafferia si tratta di un elemento propedeutico alla realizzazione della struttura commerciale, in un’ottica non soltanto di investimento in termini occupazionali, ma anche e soprattutto nella visione globale della realizzazione di opere di urbanizzazione per una riqualificazione della zona sud. Rispetto alla manodoperasarà privilegiata quella locale ma è importante ed indispensabile che le maestranze siano in possesso di adeguate qualifiche professionali, che saranno appunto valutate. Inoltre, ha concluso De Luca, assicuro che non penalizzerà le attività locali, del resto in tanti vanno a comprare fuori, anche gli stessi negozianti si servono dai grossisti di fuori, questo è un modo per farli comprare a Messina ”.
Si tratta di un intervento complesso – ha proseguito l’Assessore Mondello – che riguarda più aspetti procedurali, tra loro sinergici e questo è il motivo dei lunghi tempi di approvazione del progetto che ha una connotazione urbana perché al suo interno comprende una parte importante relativa alle opere di urbanizzazione primaria che vedranno una grande riqualificazione complessiva della zona sud da leggere nell’intero con il territorio, quindi realizzando il porto di Tremestieri, ma soprattutto con tutta la filiera commerciale che già insiste nell’area sud di Messina. L’altro aspetto è quello edilizio/commerciale che va ad integrare ulteriormente le presenze già esistenti nell’area. Ritengo che questo intervento rappresenti anche un valore aggiunto, perché produrrà sicuramente lavoro sia nel mondo dell’edilizia che in quello del commercio e nello stesso tempo riqualificherà una parte di territorio importante da rileggere nel suo complesso. Mi riferisco specificatamente all’innesto autostradale che migliorerà ulteriormente un segmento di tangenziale oggi sicuramente in sofferenza”.
L’iter del Progetto di realizzazione del Centro Commerciale di Zafferia raggiunto oggi – ha aggiunto l’Assessore Musolino – è frutto di un lavoro di squadra. Abbiamo provato a riparare una falla che da oltre 18 anni tra stop e rinvii era un progetto abbandonato a se stesso, piano piano in maniera certosina abbiamo trovato il cosiddetto bandolo della matassa. A febbraio 2020 ho presieduto una Conferenza di Servizi utile al rilascio del procedimento amministrativo unico regionale, che attesta la validità del Progetto; e successivamente un altro importante passaggio è stato quello della sottoscrizione dell’addendum del protocollo di legalità siglato a settembre del 2020, con il quale i firmatari rappresentanti delle società di costruzione hanno assunto l’impegno a rispettare i principi di legalità ed i vincoli che ne derivano, e concentrare altresì l’attenzione a privilegiare le maestranze e le ditte locali per la realizzazione dei lavori al fine di creare posti occupazionali nella nostra città”.
L’architetto Rossetti, amministratore delegato della Rossetti Engineering s.r.l si è soffermato sulle caratteristiche del Centro commerciale evidenziando che in linea di massima sarà composto da 55 negozi, alcune medie superfici e un supermercato di circa 5-6 mila metri. I parcheggi e l’accessibilità sono di altissimo livello con una capienza di 2.400 posti auto distribuiti su più livelli al fine di agevolare l’ingresso al Centro da più punti in maniera funzionale”.
Per la realizzazione di questo progetto, spiega l'avv. D'Alessandro, che ha seguito l'iter per sbloccare le pastoia burocratiche, ancora ci vorrà almeno un'anno, per le autorizzazioni del C.A.S., poi si dovranno fare i carotaggi e tutti gli studi di fattibilità del caso.
I grossi ostacoli al progetto sembrano, ormai, dipanati, i tempi di realizzazione, però non saranno brevi e già, al via le polemiche sull'impatto sull'economia cittadina, che risulterebbe devastante per le piccole attività locali, per non parlare dell'impatto ambientale che un'opera di questa portata avrebbe su un territorio che prima era interamente verde, e non sarebbe un'opera di riqualificazione. Per dirla alla maniera del Sindaco, "cu sapi" se, e prima, di vedere l'opera finita quante amministrazioni dovranno passare e, quanti ostacoli ci saranno. 

martedì 20 luglio 2021

Marilena Faranda

    Vai a pagina
    segui il meteo