il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita e onesta

Toni accesi in aula, parere contrario dei revisori dei conti

Approvata la Variazione al programma triennale delle Opere pubbliche

Stampa
Si è tornato a riunire il Consiglio comunale, in diretta streaming sul nuovo canale YouTube, per proseguire l’attività deliberativa, in seduta straordinaria. 
All’ordine del giorno le seguenti proposte di deliberazione: 1) Variazione al bilancio di previsione finanziario 2020/2022 – ex art. 175 TUEL; 2) A.RIS.ME’ bilancio di previsione esercizio 2020-2022; 3) Ratifica deliberazione di Giunta comunale n. 202 del 28 Aprile 2020 avente ad oggetto “Variazione urgente al bilancio di previsione finanziario 2020-2022, esercizio finanziario 2020, ex art. 175 TUEL. Interventi per fronteggiare emergenza Covid-19”; 4) Approvazione della variazione al programma annuale e triennale delle opere pubbliche 2020-2022. 
Su suggerimento del Ragioniere generale, si passa alla votazione del'ultima delibera, propedeutica all'approvazione delle altre delibere.
Prima il parere alle variazioni al Piano triennale delle opere pubbliche era condizionato alle variazioni di bilancio, era condizionato, perché, infatti, mancava la copertura di bilancio alle fonti di finanziamento, come spiega il Presidente del Collegio dei revisori dei conti, Tumminello, su richiesta della Consigliera Russo, ora però, è stato approvato un emendamento in Giunta a completamento. Se, però, l'emendamento venisse bocciato?, si chiede la consigliera Cannistrà, ed insiste ancora la Consigliera Russo, non possiamo votare un atto con parere condizionato e, così nell'incertezza, la seduta viene sospesa in attesa di una modifica di parere da parte dei Revisori dei Conti. Intanto, il Presidente vicario, Interdonato, convoca una Capigruppo alla presenza del Segretario generale. Il parere viene, quindi, modificato, ma le polemiche e i dubbi non vengono sedati, anzi aumentano. Il parere dei revisori dei conti, infatti, da condizionato passa a contrario, in quanto, formalmente non è prevista, in bilancio, la copertura finanziaria delle opere che si dovrebbero andare a realizzare. Il documento finanziario, difatti, non è stato ancora approvato e l'emendamento potrebbe essere bocciato. Si crea, poi, un contrasto fra il parere del Collegio dei Revisori dei conti negativo e il Segretario generale, che sottolinea il suo ruolo di mettere in guardia il Consiglio dal votare atti illegittimi e invita al voto alla variazione al programma annuale e triennale delle opere pubbliche. Così l'Aula si divide fra, voto senza se e senza ma, come i consiglieri Gioveni, Cipolla, Pergolizzi, Crifò e Vaccarino, perché con questo provvedimento, infatti, si creerebbero asili nido, abbattimento delle barriere architettoniche al centro storico; altri, invece, che vorrebbero avere maggiore chiarezza, come i consiglieri: Fusco, Schepis, Gennaro, Rizzo e Russo, che sono sul si ma no, perché non ci sono buoni o cattivi, ma se un errore degli uffici c'è stato, bisogna chiarirlo per votare in sicurezza la delibera e supportati dalle leggi, senza creare precedenti di voto di fiducia. 
Secondo me, tutta questa discussione,
afferma il vicesindaco Mondello, è una perdita di tempo, se un atto lo si vuole votare e a parole si è favorevoli, lo si fa, senza trovare ostacoli che portano a perdite di tempo. Per coerenza del resto, se si è favorevoli negli intenti a votare questo atto, per coerenza si voterà anche l'emendamento di variazione di bilancio.
Io auspico,
ribatte il consigliere Gennaro, che si vada a votare contro la mozione che chiede di rimandare la trattazione della delibera, però chiedo che, poi, gli atti della seduta con tutta la relativa documentazione vangano mandati alla Procura. 
A seguire, l'intervento del Segretario generale, la quale precisa: non c'è stato nessun errore da parte degli uffici, i pareri sono tutti favorevoli, ma il Collegio dei revisori dei conti è un organo autonomo, quindi, nessun errore. 
La mozione viene votata con 27 presenti: 5 favorevoli, 21 contrari e 1 astenuto
Il mio voto è favorevole, spiega Vaccarino, perché per me il secondo parere dei Revisori dei conti è favorevole e non contrario. 
Noi voteremo questo atto favorevolmente
, riprende il consigliere Gennaro, anche con il parere contrario, ma voglio che si faccia luce sui vari passaggi.  
La delibera viene, quindi, votata: 23 presenti, 12 favorevoli: Caruso, Cipolla, Crifò, Gennaro, Giannetto, Gioveni, Pergolizzi, Rotolo, Russo, Russo, Scavello, Serra, Vaccarino e 11 astenuti: Argento, Bramanti,  Cannistrà, Fusco, Interdonato, La Fauci, Mangano, Parisi, Pagano, Rizzo, Schepis.
Riconvocati i capigruppo, la seduta viene aggiornata a lunedì 25 alle ore 17.30 al posto della Commissione bilancio.
giovedì 21 maggio 2020

Marilena Faranda

    Vai a pagina
    segui il meteo