il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita e onesta

L’ennese Antonio Rizza confermato segretario

Il messinese Pino Falzea eletto nuovo presidente della Consulta degli Architetti Siciliani

Stampa
Cambio al vertice nella Consulta degli Architetti Siciliani. Il messinese Pino Falzea eletto nuovo presidente, l’ennese Antonio Rizza confermato segretario.
Durante l’ultima seduta di Consiglio, tenutasi il 6 aprile in streaming, all’unanimità dei presenti, la Consulta degli Architetti Siciliani ha eletto i nuovi vertici nominando presidente l’architetto Pino Falzea (Messina) e confermato segretario l’architetto Antonino Rizza (Enna). La nuova guida della Consulta è stata designata dai rappresentanti degli Ordini degli architetti di Agrigento, Caltanissetta, Enna, Messina, Palermo, Ragusa, Siracusa e Trapani. Assente, invece, l’Ordine di Catania, che ha deliberato nelle scorse settimane di recedere dall’organo di rappresentanza.Il neo presidente Pino Falzea, che torna al vertice della Consulta dopo la nomina nel 2017, è un libero professionista con esperienza trentennale nel settore dell'edilizia residenziale e sanitaria, dei lavori pubblici e del governo del territorio. Ha svolto numerosi incarichi di consulenza per enti pubblici e privati. E’ componente del Comitato Tecnico-Scientifico dell'Autorità di Bacino della Regione Siciliana ed è, attualmente, presidente dell’Ordine degli architetti di Messina.«Ci siamo subito messi in moto – commenta Falzea – e dopo la definizione dei nuovi assetti, grazie al contributo di tutti i rappresenti degli architetti siciliani abbiamo tracciato le linee programmatiche dell’attività di politica professionale per i prossimi mesi, concentrandoci sulle azioni immediate per fronteggiare l’emergenza da Covid-19 ma anche su quelle che dovranno essere attivate quando questa emergenza sanitaria sarà superata».Già dalla prossima settimana saranno attivi dei tavoli operativi che avranno come priorità: politiche di rilancio del lavoro (agevolazioni fiscali, semplificazioni, equo compenso e certezza dei pagamenti, ecc.); modifica del codice dei contratti; modifica del testo Unico dell’edilizia e quindi della L.R. 16/2016; nuovo Regolamento Edilizio Unico; modifica del codice dei Beni culturali e del Paesaggio; nuova legge regionale di Governo del territorio; modifica dell’Ordinamento professionale.
mercoledì 8 aprile 2020


    Vai a pagina
    segui il meteo