il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita e onesta

Consorzio Autostrade Siciliane CAS, assemblea indetta dalla CUB Trasporti

Stampa
All’assemblea del 24 febbraio indetta dalla CUB Trasporti presso la sede del Consorzio Autostrade Siciliane CAS, hanno partecipato circa 150 tra addetti alla esazione dei pedaggi e addetti al settore amministrativo. 
 I presenti, non tutti associati alla CUB Trasporti, hanno sviluppato un appassionato dibattito relativo alla vertenza in essere con diversi interventi da parte anche di aderenti ad altre sigle sindacali (queste ultime non hanno partecipato ai lavori contrariamente alla precedente assemblea del 29 gennaio u.s.) più una numerosissima presenza del “Coordinamento Auto Organizzato Lavoratori CAS”. Alla conclusione dell’ assemblea viene trascritto verbale/promemoria approvato all’ unanimità dei presenti con i seguenti punti programmatici: 1. Viene considerata inaccettabile l’influenza assessoriale volta solamente a tenere rabboniti gli animi dei lavoratori con una inaccettabile proposta legislativa che non contenga la garanzia di recupero degli arretrati non ancora corrisposti da oltre 10 anni; 2. la dissonante discrasia tra le decurtazioni unilaterali dello stipendio e i contratti già rinnovati nel resto del paese (Autostrade d’Italia ecc.); 3. circa l’aspetto inerente la stucchevole “NOVENA” ente Economico-Non Economico i lavoratori non sono per nulla appassionati a tale “telenovela”. Al riguardo occorre rammentare che su tale argomento il CAS ha da sempre agito di fatto con la natura giuridica di naturale pertinenza cioè esercitando da sempre attività di SOGGETTO ECONOMICO CHE SVOLGE ATTIVITà DI IMPRESA COMMERCIALE, ed a prescindere da tale conformità o meno, non accetteremo mai un contratto diverso da quello in essere privo del riferimento al CCNL di Autostrade e Trafori “VADE RETRO MACCHIAVELLI”. Non è più accettabile lo scippo degli stipendi volendolo adeguare ai dipendenti regionali con CCRL, e dall’altro continuare a svolgere l’attività lavorativa così come prevista dal CCNL. 4. Viene pertanto decisa la proclamazione di una nuova tornata di scioperi nelle giornate del 15, 16 e 17 Marzo di altre 24 ore giornaliere dando mandato alla scrivente di provvedere ad esperire le formalità di rito. Si avverte che la fase vertenziale avrà termine allorquando si avrà certezza del trattamento fattivo, sia passato che futuro, consono al medesimo trattamento previsto da tutte le altre concessionarie del resto d’Italia, chiedendo pertanto il recupero enumerato ad oltre 600 euro mensili che in Sicilia i lavoratori perdono stabilmente sin dal 2009. A fronte di 1.565,70 euro mensili percepiti da un dipendente di Autostrade per l’Italia, lo stipendio nella nostra regione nella concessionaria CAS è fermo ai 965,70 euro mensili. La CUB Trasporti infine sottolinea il necessario inserimento di una clausola di salvaguardia occupazionale nel contratto dei dipendenti delle autostrade siciliane, a garanzia delle sorti del personale che ne preveda il transito diretto e immediato, nel caso di subentro ad altra concessionaria diversa dal C.A.S.. 
Diversamente verrebbe a mancare la certezza occupazionale delle attuali maestranze.
mercoledì 26 febbraio 2020


    Vai a pagina
    segui il meteo