il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita e onesta

Assunti nel 2020, in scadenza il 13 agosto prossimo

Messina rischia di avere 46 vigili in meno ad Agosto

Stampa
Il Comune di Messina rischia di perdere 46 agenti di Polizia Municipale tra Luglio ed Agosto, uno dei periodi più delicati in città per l’ordine pubblico, misure anti covid, viabilità, contro esodo e movida. Si tratta dei vigili urbani, con contratto a tempo determinato di un anno, assunti nel 2020, in scadenza il 13 agosto prossimo. Chiesta la proroga per il 2021/2022, ma dal Viminale ancora nessuna risposta. Lo dichiarano, in un comunicato, Gaetano Giordano e Carlo Abbate del sindacato Csa che sottolineano: “così rischiamo strade senza presidio”, .Palazzo Zanca ha chiesto al Ministero dell’Interno di poter prorogare i contratti di almeno un anno e contemporaneamente di far scorrere la graduatoria, assumendo i restanti 12 idonei, ma finora non sono arrivate risposte. Il tempo stringe e il rischio è che se la risposta da Roma dovesse tardare ci si possa trovare scoperti nel periodo estivo, fra riaperture totali e misure anticovid. Il Corpo dei caschi bianchi, infatti, è già ridotto all’osso. Oltre ai pensionamenti, aumentati i carichi di lavoro per gli innumerevoli controlli sul vastissimo territorio comunale per prevenzione e repressione dei vari illeciti in costante aumento dalla rimozione degli ultimi cassonetti in città, dalle numerosissime infrazioni al codice della strada e adusi vari, di vario genere e natura. Un corpo carente di almeno 300 unità e con un’età media di 56 anni. Un corpo che necessita di nuove leve e di concorsi interni per poter programmare l’immediato futuro” ricordano Abate e Giordano, “inoltre da segnalare la mancata corresponsione delle indennità /spettanze periodo che va’ dal 2019 ad oggi” Per questo motivo, il sindacato Csa ha anticipato la proclamazione dello stato di agitazione e la programmazione dell’assemblea dei lavoratori. “Chiediamo la proroga dei contratti e lo scorrimento della graduatoria degli idonei ed il pagamento a saldo di tutte le spettanze maturate fino ad oggi”, affermano Giordano e Abbate (Csa).  In assenza di una risposta da Roma, intanto, il Comando è stato costretto a far smaltire le ferie ed i riposi arretrati a tutti i lavoratori in scadenza, Con la conseguenza che in strada si rischia di avere meno personale per i controlli anti-Covid, prevenzione e repressione. Per prorogare i vigili servono impegni di spesa pari ad 1 milione di euro. La richiesta è di ottenere la proroga di un anno per il 2021/22. “Ma – spiegano Giordano e Abbate (Csa) – il nostro obiettivo principale è quello di arrivare a una stabilizzazione degli agenti oggi formati che sono fondamentali per il presidio della città. Questi giovani hanno superato un concorso pubblico molto selettivo e hanno mostrato in questo anno di lavoro grande sensibilità verso la città e ottima professionalità”. Le assunzioni a tempo determinato sono state possibili grazie ai Decreti Sicurezza dell’ex ministro degli Interni, Matteo Salvini. Anche il Sindaco De Luca, il Comandante della Polizia Municipale ing. Signorelli, e l’assessore al ramo Dafne Musolino, si sono espressi favorevolmente alla proroga dei contratti. “Speriamo adesso che tutti i buoni propositi si concretizzino in continuità lavorativa per questi 46 instancabili ed esemplari lavoratori” concludono così Giordano e Abate.
lunedì 7 giugno 2021


    Vai a pagina
    segui il meteo