il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita e onesta

Cosa si può fare tra spostamenti e consumazione all’interno di bar e ristoranti

Da lunedì la Sicilia passa in zona gialla

Stampa
Con l’ordinanza firmata ieri sera dal presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, la Sicilia passa in zona gialla da lunedì 15 febbraio. 
Siamo la Regione – dichiara il presidente - con l'indice Rt più basso d'Italia. Ho scritto al ministro della Salute per chiedere di anticipare la misura della "zona gialla" alla domenica, per restituire un po' di respiro in più ai ristoratori che in queste settimane sono rimasti chiusi. Il ministro mi ha informato di non poter accedere alla nostra richiesta e la legge, purtroppo, consente solo ordinanze regionali che prevedano maggiori chiusure e non il contrario”.
L'ordinanza recepisce le disposizioni nazionali e, prevede per coloro che fanno ingresso nel territorio della Regione di registrarsi sulla piattaforma www.siciliacoronavirus.it. 
Vediamo che cosa si può fare in zona gialla.
Restano consentiti gli spostamenti dalle 5 alle 22, dopo ci si può muovere solo per esigenze lavorative, situazioni di necessità o per motivi di salute. E’ possibile andare a fare visite ad amici e parenti una sola volta al giorno e a un massimo di due persone nella stessa Regione o Provincia autonoma. Chi si sposta può portare con sé i figli minori di 14 anni e le persone disabili o non autosufficienti conviventi.
Si può tornare a consumare cibi e bevande all’interno di bar, ristoranti e delle altre attività di ristorazione dalle 5:00 alle 18:00. La vendita con asporto è possibile dalle 18:00 alle 22:00, mentre la consegna a domicilio è consentita senza limiti di orario. 
In zona gialla i negozi sono aperti mentre i centri commerciali sono chiusi nel weekend, ad esclusione di farmacie, parafarmacie, tabacchi e supermercati al loro interno. 
 Possono riaprire al pubblico i musei dal lunedì al venerdì tranne nei giorni festivi. Le stesse condizioni valgono per le mostre aperte al pubblico. Rimangono invece chiusi i cinema, i teatri, le sale scommesse, le sale da gioco, le discoteche, le sale da ballo, le sale da concerto, le palestre, le piscine, i parchi tematici, le terme, i centri benessere.
sabato 13 febbraio 2021

Cristina D'Arrigo

    Vai a pagina
    segui il meteo