il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita e onesta

Sì parte dagli impiegati comunali e studenti universitari

Bike to work: studio e lavoro in bicicletta

Stampa
E' stato presentato nel Salone delle bandiere "Muovime", un progetto di trasporto sostenibile redatto dal Comune di Messina in collaborazione con l’Università degli Studi di Messina e l’A.T.I. Euromobility-CRAS s.r.l., per promuovere il trasporto sostenibile. Tale iniziativa, è finanziata nell’ambito del programma sperimentale del Ministero dell’Ambiente Casa-Scuola – Casa-Lavoro. 
Il progetto è volto a  far si che da "domani" tutti acquisiscano la buona pratica di andare in bici o, comunque, usufruiscano del TPL, per recarsi a lavoro, come spiega il vicesindaco Previti.
A tale scopo, il Comune, tramite un finanziamento ambientale già recepito dalla precedente amministrazione, ha acquistato 70 biciclette da consegnare agli impiegati comunali e agli studenti universitari che ne faranno richiesta.
Il realizzatore materiale, insieme ai tecnici del Comune, l'ing. Massimo Villari, ha spiegato che punto focale dell'iniziativa è l’innovativa piattaforma informatica basata su blockchain Ethereum raggiungibile all’indirizzo “www.muovime.it”, sviluppata dall’Università degli Studi di Messina, al quale gli studenti e gli impiegati comunali, si potranno registrare per ottenere la bici. Tutto, inoltre, verrà monitorato attraverso il software, se il mezzo sarà inutilizzato, il sistema lo rileverà e il mezzo  dovrà essere restituito. La bicicletta si potrà usare anche per uscite private, ma il fruitore dovrà consentire ad essere monitorato nei suoi spostamenti, e, comunque, queste uscite non verranno conteggiate nel tempo di uso attivo del mezzo.
Ringrazio il Sindaco e il Vicesindaco per la sua richiesta di sinergia con l'Università, spiega, il rettore Cuzzocrea, che ci permetterà di migliorare il servizio ai nostri studenti, che potranno sperimentare l'utilizzo delle biciclette per recarsi in università.
Fase transitoria che si apre, afferma il Sindaco De Luca, noi ancora siamo impegnati a sradicare tutto il peggio che si è fatto in questi anni. Come ad esempio, l'inceneritore nella zona Falcata. Siamo contenti di questa collaborazione per dare l'avvio a delle buone pratiche, di andare a lavorare e studiare con la bicicletta. 
Per la nostra città, si parla di una vera e propria rivoluzione, se si considera che attualmente i ciclisti, ad opera anche degli habitué del parcheggio in doppia fila, sono vittima di continui disagi. L'Amministrazione si auspica che, nel lungo termine, i cittadini si abituino sempre più all'uso del TPL e, per far ciò, saranno concessi bonus ai dipendenti comunali, cosa che probabilmente sarà estesa ai dipendenti dell'Università e agli studenti. Del resto, al momento, le biciclette sono fornite con un comodato d'uso di soli 3 mesi, affinché ciascuno prenda confidenza con il mezzo.
venerdì 7 agosto 2020

Marilena Faranda

    Vai a pagina
    segui il meteo