il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita e onesta

La benedizione dei gigli avverrà domenica 21 giugno alle ore 19

Rinnovata la devozione a Sant’Antonio

Stampa
Ogni anno, il 13 giugno, Messina rinnova la devozione ad Antonio da Padova, uno dei santi più conosciuti e venerati dalla Cristianità. 
E anche quest’anno, nonostante le restrizioni imposte per limitare il contagio da Covid 19, migliaia di uomini e donne si sono recate presso la Basilia di Sant’Antonio per rendere omaggio nella preghiera al Santo della gente. 
Per permettere a tutti di poter assistere alle celebrazioni, nella giornata di ieri, sono state celebrate nove messe, trasmesse anche attraverso un mega schermo nel cortile antoniano dove è stata collocata la Statua del Santo che annualmente esce in processione.
Un legame forte e intenso, quello del Santo con la nostra città che risale al 1221 quando si trovò a passare dalla Città dello Stretto. Era partito dal Portogallo per andare a predicare in Africa ma provvidenzialmente fece naufragio approdando a Capo Milazzo e da lì il passaggio a Messina. 
Il naufragio ripreso anche dall’Arcivescovo, Mons. Giovanni Accolla, durante la celebrazione della Santa Messa, quale simbolo di tutti i naufragi che affrontiamo nella nostra vita, nelle relazioni, negli affetti, nel cammino personale e con gli altri. 
L’attenzione alla vita che si esprime nella famiglia, nell’amore, nel lavoro, nello studio, temi che in questo tempo così faticoso per ognuno di noi, costretti a vivere nell’isolamento, ci hanno dato l’opportunità di capire la bellezza di ciò che abbiamo. 
Riprendere l’esempio di Sant’Antonio nell’incontro con Dio, con la “parola che salva, perdono che accoglie, pane che ci da vita” quale testimonianza dell’opera di evangelizzazione che passa attraverso l’esperienza della misericordia. 
Al termine di ogni celebrazione i fedeli hanno donato i gigli, il fiore che simboleggia purezza e nobiltà d'animo, la cui benedizione avverrà domenica 21 giugno alle ore 19 con la solenne Santa Messa con il vescovo ausiliare, mons. Cesare Di Pietro, e alle ore 21 omaggio a Sant’Antonio, in Basilica, con un concerto di musica a cura del Conservatorio Corelli di Messina, in diretta sui canali social.
domenica 14 giugno 2020

Cristina D'Arrigo

    Vai a pagina
    segui il meteo