il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita e onesta

L'esponente del partito +Europa della Città Metropolitana ribadisce legittima legittima la sua richiesta di collaborazione fattiva tra amministrazione e consiglio

“Cambio passo“, la risposta del consigliere Alessandro De Leo

Stampa
A seguire la nota di risposta del consigliere De Leo all'invito del sindaco De Luca di un "cambio di passo " in consiglio comunale:
Vorrei premettere che in quel 2018 eravamo tutti coscienti di dover governare cosi la città: noi consiglieri con un sindaco slegato dalle nostre coalizioni elettorali e lei con un consiglio variegato e senza una maggioranza. In questo scenario la mia posizione di consigliere è stata sempre molto chiara: no ad una sudditanza politica, no ad una opposizione preconcetta e pieno riconoscimento alle sue capacità amministrative. Personalmente non ho condiviso tutto il percorso da lei avviato con il cosiddetto “Salva Messina”, documento che non ho votato e coerentemente neanche emendato. Per me è stato un documento sindacale e non politico, non ne ho sentito alcuna appartenenza, nessuna familiarità, ma nonostante ciò ho votato gli atti che ho ritenuto necessari ed importanti. Con estrema sincerità non condivido la costituzione di un intergruppo, mi sembra una proposta inaccettabile rispetto alle forze politiche che sono per natura rappresentate in ogni consiglio comunale. Avendo già condiviso la prima modifica del Regolamento del Consiglio Comunale, quella da lei oggi riproposta, risulta in alcuni punti strumentale. Quanto sopra espresso, nasce dalla mia convinzione che l'attività politica di Consigliere non è un mestiere ma una missione, che va svolta con raziocinio, responsabilità e razionalizzazione dei costi; infatti ripetutamente (insieme ad altri consiglieri) ho sostenuto che la maggiore attività consiliare venga svolta la sera, fuori dagli orari di lavoro. Non mi sembra possibile ne rispettoso presentare un crono-programma scadenzato per l’intero anno 2020, senza che nessuno dei consiglieri conosca a fondo le delibere citate. Il Consiglio Comunale ha il dovere, oltre che il diritto, di valutare attentamente le stesse, cosi ha il sapore di una “cambiale in bianco” e sminuisce il nostro ruolo. Detto ciò, mi sembra opportuno riepilogare che la sua posizione non mi vede in totale disaccordo, per lo più riscontro visti i risultati non del tutto positivi, la sua necessità dopo il "Salva Messina" di un "Cambio di Passo". Credo sia legittima la sua richiesta di collaborazione fattiva tra amministrazione e consiglio, nulla di scandaloso per un sindaco senza maggioranza. Su tale tema ha la mia disponibilità per un contributo volto ad accelerare la macchina amministrativa, senza vincoli e/o patti, ma valutando le proposte di delibera che l'amministrazione intenderà adottare, con l'attenzione che ho sempre rivolto a tutte le proposte d'interesse generale e che sono indirizzate ad un miglioramento delle condizioni della nostra Città. Per quanto riguarda la sua scelta di “legare” continuamente l’approvazione degli atti da parte del civico consesso alle sue dimissioni, l’argomento non mi appartiene ne mi appassiona, sono scelte personali che però non vanno addossate ai Consiglieri Comunali. Mi sembra opportuno precisare che la posizione da me espressa è stata totalmente condivisa e sostenuta dal coordinamento del partito +Europa della Città Metropolitana di Messina, riunitosi in data 08/01/2020. 
giovedì 9 gennaio 2020


    Vai a pagina
    segui il meteo