il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita e onesta

Server da 91 milioni di euro pagati dalla Regione alla ex Spi Spa per censire tutti gli immobili dell’ente

M5S: “Vediamo cosa c’è nel server, Antimafia apra un’inchiesta”

Stampa
Commissione Antimafia: Armao fornisce documentazione, ma l’audizione viene secretata. De Luca, Di Paola e Schillaci chiedono di approfondire l’operato della ex Spi Spa. Vedere cosa c’è dentro il famoso server da 91 milioni di euro pagati dalla Regione alla ex Spi Spa per censire tutti gli immobili dell’ente. Questo l’obiettivo della richiesta di accesso agli atti depositata dal deputato regionale del Movimento 5 Stelle, Antonio De Luca, per andare fino in fondo alla faccenda, entrare nel server e ottenere l’elenco dei lavoratori. De Luca, insieme alla collega Roberta Schillaci, ha partecipato oggi alla seduta della commissione Antimafia dell’Ars in cui è stato sentito l’assessore Armao. “Sono tanti gli interrogativi e i dubbi – commenta De Luca – nati in seno all’audizione odierna dell’assessore Armao, il cui contenuto è stato secretato. Di certo c’è solo il grande spreco di denaro pubblico. Per andare in fondo alla vicenda occorrerà quindi aprire un’inchiesta vera e propria in commissione Antimafia e ascoltare i protagonisti della vicenda, andando indietro nel tempo, sentendo gli esponenti delle varie giunte regionali e i lavoratori che materialmente censirono gli immobili. Per questo ho formulato una specifica richiesta al presidente della commissione”.

“La brutta vicenda del censimento degli immobili – commenta Schillaci, insieme al collega Nuccio Di Paola, che ha seguito sin dall’inizio il caso – pensiamo abbia avuto costi ben più alti rispetto ai 91 milioni di euro di cui si è parlato finora. Oggi Armao ha fornito nuovi elementi per la lettura della storia  e seppur gli atti siano stati secretati, non vi è dubbio che vi siano pesanti responsabilità politiche e amministrative. Chiediamo quindi che il censimento sia reso disponibile per le esigenze dell’amministrazione regionale, anche per ottemperare alle indicazioni della Corte dei Conti, e che si indaghi per capire le vere ragioni di un abnorme esborso di denaro pubblico, che non può passare inosservato”. ;Bene che si sia impegnata anche la commissione Antimafia – aggiunge Di Paola – faremo il massimo per attivare quanti più soggetti possibili per venire a capo di una vicenda che ha dell’incredibile”

venerdì 13 settembre 2019


    Vai a pagina
    segui il meteo