il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Netta differenziazione con l’attuale gestione del partito

Direzione provnciale del PD, le critiche dell´opposizione

Stampa
A seguire la nota a firma degli esponenti dell'opposizione della Direzione Provinciale del PD:
L'approvazione del documento politico che pone i consiglieri comunali del PD e di LiberaMe della città di Messina all'opposizione del sindaco De Luca è l'unica nota positiva emersa dalla direzione del partito democratico di ieri sera.  
Per il resto, non possiamo che esprimere netta differenziazione con l’attuale gestione del partito. Il segretario ritiene di superare l’attuale fase di stallo politico del partito – che è sotto gli occhi di tutti – attraverso la costituzione di ulteriori organismi e sovrastrutture interne, disegnate su carta ma non operative nella realtà (ad esempio, la costituzione dei circoli territoriali per zone ma senza formalizzarne coordinamento, percorso, compiti, responsabilità), che, alla fine, non potranno che risultare fini a sè stessi in mancanza di una proposta politica di rilancio ed una visione chiara sul futuro. Vecchi schemi ormai superati e che, con ostinazione, si continuano a riproporre. Del resto, tale scelta è in linea con il modus operandi di questi due anni, nei quali chi aveva la responsabilità di guidare il PD Messina si è limitato ad una mera (e, peraltro, incompleta) gestione burocratica del partito, trascurando del tutto l’aspetto politico ed il rapporto con i territori, con gli iscritti e con gli eletti. Non è questo il partito che può rappresentare una seria alternativa politica nel nostro territorio e affrontare, con rinnovata credibilità e decisione, le sfide che ci attendono. Dall’ultima assemblea nazionale è venuta fuori un’altra idea di partito lontana dalla visione gattopardesca portata avanti dall’attuale segreteria provinciale, talvolta anche con irregolarità e inadempienze statutarie riscontrate in questi anni e già messe in evidenza in diverse occasioni e sulle quali auspichiamo si pronuncino al più presto gli organi deputati. Il partito necessita, anche a questa latitudine, di una ripartenza. Di un gruppo dirigente nuovo con una linea politica chiara e innovativa, una capacità organizzativa reale, e di un contatto con il territorio costante. Il quadro che ben due anni fa aveva portato ad un congresso unitario non c'è più e la strada di un nuovo congresso è quella più lineare e trasparente rispetto ad iscritti ed elettori. E’ tempo di assumersi ciascuno le proprie responsabilità. Armando Hyerace, Simone Bongiorno, Giacomo D’Arrigo Dino Russo, Nicola Alpino, Francesco D’Amico, Emanuele Giglia Antonio Napoli,  Nicola Marchese, Angela Bottari,   Sharon Schachter Simone Coletta,  Lidia Gaudio e Tani Isaja
mercoledì 17 luglio 2019


    Vai a pagina
    segui il meteo
    dom 18
    27°-20°
    lun 19
    28°-22°
    mar 20
    30°-20°
    mer 21
    25°-16°
    gio 22
    26°-15°