il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

De Luca e Zafarana (M5S): «La Regione tuteli le opere d’arte del museo di Messina»

Stampa

I deputati regionali commentano le condizioni in cui versa il MuMe, chiedendo al presidente Musumeci di nominare al più presto l’assessore ai Beni culturali e di intervenire con estrema urgenza per mettere in sicurezza i capolavori di Caravaggio e Antonello: «A rischio l’incolumità delle tele a causa del caldo e dell’umidità»

«è vergognoso che la più importante istituzione culturale presente in città sia totalmente abbandonata a se stessa, in condizioni inaccettabili per il tredicesimo comune d’Italia: lo stato in cui versa ormai da tempo il MuMe è un affronto a tutti i messinesi, presi continuamente per i fondelli dai ripetuti e infruttuosi annunci da parte del governo regionale». Così Antonio De Luca (M5s) commenta la chiusura temporanea del museo di Messina a causa dell’interruzione di energia elettrica, “un’ulteriore beffa che si aggiunge alla mancanza di punti di ristoro, alle carenze dei servizi igienici e ai malfunzionamenti dell’aria condizionata, che mettono a repentaglio l’incolumità dei visitatori e delle stesse opere d’arte», prosegue il deputato regionale che, insieme alla collega Valentina Zafarana, chiede al Governatore Nello Musumeci di intervenire con estrema urgenza per mettere in sicurezza i capolavori presenti all’interno della struttura. «La normativa europea di riferimento – commenta De Luca – stabilisce per i dipinti a tela una temperatura mai superiore ai 24 gradi e un tasso di umidità intorno ai 40,50 gradi. Tutto l’opposto di quanto accade al MuMe, dove a causa dell’altissima temperatura, che supera i 30 gradi e all’altrettanto eccessivo stato di umidità, superiore al 63per cento, c’è il serio rischio di gravi deterioramenti ad opere artistiche di importanza internazionale, fra le quali quelle di Caravaggio e Antonello».



lunedì 8 luglio 2019


    Vai a pagina
    segui il meteo