il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Un “trolley” pieno di documenti per far luce sull’interrogazione parlamentare

Policlinico e NeMo Sud, a Roma il confronto con il presidente della Commissione Sileri

Stampa
Interrogazione parlamentare su Policlinico e NeMo Sud,  a Roma il confronto con il presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato Pierpaolo Sileri
Presenti all’incontro, il commissario del Policlinico Giuseppe Laganga, il Rettore Salvatore Cuzzocrea, il capogruppo del M5s alla Camera Francesco D’Uva e la senatrice Grazia D’Angelo
 Un “trolley” pieno di documenti per far luce sull’interrogazione parlamentare in merito ai rapporti fra il Policlinico di Messina e il Centro Clinico di riabilitazione neurologica “Nemo Sud”. è la mole di incartamenti presentati ieri mattina a Roma dal commissario del Policlinico, Giuseppe Laganga, e dal Rettore dell’Università di Messina, Salvatore Cuzzocrea, al presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato Pierpaolo Sileri, primo firmatario dell’atto ispettivo.Presenti all’incontro, il capogruppo del M5s alla Camera, Francesco D’Uva, e la senatrice Grazia D’Angelo, che la scorsa settimana aveva contattato personalmente Sileri affinché si facesse promotore di un confronto chiarificatore fra tutte le parti in causa.«L’incontro - spiega Grazia D’Angelo - si è svolto in un clima di massima distensione e collaborazione, con l’intento comune di fugare ogni dubbio sugli interrogativi posti nell’interrogazione, a garanzia di un'eccellenza del nostro territorio, dei suoi pazienti e di tutta la collettività. Nel corso del confronto, il commissario Laganga e il Rettore Cuzzocrea hanno avuto modo di approfondire più nel dettaglio quanto avevano già illustrato nel corso di una conferenza stampa e di presentare al senatore Sileri un ampio dossier, che verrà esaminato nei prossimi giorni».
«Ho apprezzato molto - commenta invece D’Uva - l’atteggiamento del Rettore, il suo modo di approcciarsi e la sua disponibilità, che è una cosa per nulla scontata. Al termine dell’incontro siamo andati via certi dell’assoluta trasparenza degli atti. Siamo sicuri che la documentazione presentata potrà fornire una risposta esauriente a tutti i quesiti posti dagli interroganti».
sabato 20 aprile 2019


    Vai a pagina
    segui il meteo