il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Ennesimo incontro fra il Sindaco e i Consiglieri comunali

Perplessità dell´Aula sul progetto di De Luca

Stampa
Inizia un nuovo incontro/confronto fra il Consiglio comunale e il Sindaco De Luca.
Non possiamo continuare a inveire contro dirigenti e impiegati e poi sperare che loro siano disponibili di sabato e di domenica, sottolinea La Tona. In un Comune ci vuole autorevolezza e non autorità, gli impiegati si devono sentire parte di un progetto e non costretti. Inutile dire che gli darà una premialità alta, perché per legge più del 30% non gli può dare. Il Sindaco, però precisa, la malattia di un dirigente, spesso è di 11 mesi e 29 giorni è ancora si permettono di agire necessariamente in un certo modo. Il nuovo bilancio, che sarà approvato entro il 15/20 dicembre, lo faremo su 10 dipartimenti.

Vorrei dire che non condivido appieno l'internalizzazione dei Servizi sociali
, continua il consigliere Gioveni, perché non possiamo pensare che all'interno del Comune ci siano tutte le figure necessarie, assistenti sociali, CAG o simili. Ritengo, quindi, che dovremmo trovare una formula per poter reinserire il personale necessario. Inoltre, mi pongo una questione sulla Raccolta dei rifiuti, mi chiedo se la sua proposta di privatizzazione sia dettata solo da una questione di legge, ovvero la mancata accettazione del fallimento da parte del Tribunale e la legge Madia o è una questione politica?

Non accetto accuse di discriminazioni sui servizi sociali,
tuona il De Luca, oggi ci sono gli impiegati delle cooperative che sono figli, fratelli e sorelle dei funzionari dei servizi sociali. Andate a vedere chi c'è a Casa Serena. Inoltre, ho fatto un'indagine con la polizia municipale, che presto avrà un suo termine, per cui mi sono accorto, ad esempio, che un uomo di sessant'anni che va in bicicletta riceve l'assistenza domiciliare, basta col vuoto per pieno. Voglio creare una struttura dei servizi sociali, facendo una reale mappatura di chi ha bisogno, che finora non ho trovato. Quanto al personale, si farà una selezione, aprendo ai giovani. La questione è, si cambia modello strutturale sì o no?
Io mi aspetto da voi in un dibattito serio, delle reali proposte, ma non difendere l'indifendibile.

Io sono a favore dei servizi pubblici per quanto riguarda i servizi ai cittadini,
replica la presidente della commissione servizi sociali Cannistrà. Sono d'accordo con lei per un 50% di quello che ha detto, non si possono mettere i 18 assistenti sociali che ci sono, nella strada, anzi, bisognerebbe integrarli rispetto al numero di abitanti. Non si è mai guardato sull'assistenza individualizzata, ci sono i fondi extra comunitari, ovvero quelli della 328 che sono una scoperta, ma è vero che sono stati usati per doppioni, perché partivano da progettazioni del 2000. Oggi è rimasto meno, ma se noi riusciamo davvero a mettere a sistema quello che resta, come anche i bandi PAC, che potremmo riutilizzare su Casa Serena. Dovremmo cercare di attuare l'assistenza socio sanitaria, sappiamo che la finanziaria prevede dei fondi per il dopo di noi utilizziamoli.

Noi  non possiamo parlare dei servizi in relazione ai lavoratori, ma agli utenti,
precisa il Sindaco. Non posso promettere posti di lavoro, ma sono stanco di essere definito macellaio.

Ad oggi, se mi dite che c'è qualcosa che va bene,
sottolinea il consigliere Parisi, io mi inchino. Dobbiamo portare avanti questa politica di riorganizzazione per il futuro dei giovani.

Stiamo tentando di mantenere uno status quo in una città che non è normale,
sottolinea il Sindaco, mantenendo sistemi di malaffare con un bilancio. Qualunque miscela si organizzerà, purtroppo, non riusciremo a garantire il mantenimento di tutti i lavoratori. Su questo mi appello al vostro senso di responsabilità, non diamo seguito a conflitti sociali. Non cediamo alle provocazioni, perché rischieremmo di perdere un momento epocale, per dare una nuova vita a Messina.

Ad accendere i toni della seduta il capogruppo della Lega con Salvini, Serra, che chiede compattezza a tutti i gruppi. Se qualcuno non ci sta, spiega il consigliere io non ci sto, perché non devono essere solo alcuni a prendersi le responsabilità e altri si chiamano fuori. 
Io ve lo dico già da ora, precisa il Consigliere Gioveni, se nel progetto c'è da approvare i bilanci dell'ATM dal 2002 per me si può dimettere già da ora, non ci sto.

Su queste considerazioni interviene il consigliere La Tona: scusate noi non avremo il tempo di studiare che ha avuto il Sindaco e date le ripetute note stampa in cui l'Assessore Signorino continua a sostenere la validità del lavoro della precedente Giunta, propongo che si faccia un confronto per capire chi ha ragione.

Dobbiamo assumerci tutti la responsabilità di quello che andiamo a fare, non voglio che nessuno si scarichi delle responsabilità, precisa il sindaco. O diciamo tutti si, non è che poi sui singoli atti ci si tira indietro, altrimenti è legittimo che ci sia motivo per dire no, in questo caso ce ne andiamo a casa. In questi anni non hanno saputo amministrare, io mi sono sempre chiesto perché alcune cose non le hanno fatte prima. 
Lo stesso Sindaco che ieri diceva che era stato criminale non dichiarare il dissesto, oggi, rispondendo alle perplessità del capogruppo di LiberaMe, Bonfiglio, dichiara: non voglio amministrare il dissesto, non mi interessa. Se dichiarassimo il dissesto verrebbero 3 commissari e loro agirebbero come ragionieri, vi prego di non farlo. Dobbiamo fare un percorso tutti insieme, io non farò il sindaco a mezzo servizio. Quanto ai dirigenti che io solleverò dall'incarico entro 3 anni perderanno il posto, ma gli faremo la lettera di raccomandazioni per trovare un posto altrove. Non toglietemi l'arma della dichiarazione di esubero, perché mi serve per evitare certe reazioni. Quanto a Signorino, io non mi confronto con un fallito, mezzo assessore della Giunta Accorinti. Prima convocate tutti gli assessori al bilancio della precedente giunta in quest'aula, con l'ex Sindaco con il Direttore generale, io farò da spettatore e poi mi posso confrontare.
Il dibattito prosegue con l'esposizione delle criticità, riguardanti mezzi e carichi pendenti con la MessinAmbiente, da parte del Presidente di Messinaservizi Lombardo, che non nega, però, l'inciviltà dei messinesi.
martedì 9 ottobre 2018

Marilena Faranda

    Vai a pagina
    segui il meteo
    ven 14
    15°-10°
    sab 15
    22°-15°
    dom 16
    16°-11°
    lun 17
    16°-11°
    mar 18
    16°-11°
    mer 19
    16°-11°