il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

"Musumeci faccia la voce grossa col governo nazionale”

M5S: “L’inceneritore nella valle del Mela non va fatto, è questa la volontà dei siciliani

Stampa
“Il cammino di Musumeci non inizi con un passo falso. Sulla questione inceneritore nella valle del Mela, nei piani del governo nazionale, faccia la voce grossa e si metta di traverso. Questa, del resto, è la volontà del Parlamento siciliano e, quindi, dei cittadini che esso rappresenta, se è vero, come è vero, che sala d’Ercole nella legislatura appena conclusa ha approvato una nostra mozione a firma di Valentina Zafarana(nella foto) per dire ‘no’ all’impianto”.
Il Gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle all’Ars ribadisce il suo secco ‘no’ alla realizzazione dell’inceneritore verso cui corre a grande velocità il governo Gentiloni, bypassando di fatto la Regione, grazie ad un decreto di Renzi. “Cinque anni di governo regionale prono alla volontà nazionale – dicono i deputati M5S – ci sono bastati. Musumeci non si affidi allo stesso copione di Crocetta. Il governo nazionale, forte dello “sblocca Italia”, sta cercando di piazzare un inceneritore nel territorio siciliano senza ascoltare i cittadini e tanto meno la politica regionale ed il governo della Regione. Musumeci e i suoi devono farsi sentire con più forza se non vogliono aprire la loro legislatura con una clamorosa sconfitta per il territorio messinese, già gravemente compromesso da impianti inquinanti in zona”. “Il ‘no’ agli inceneritori – concludono i deputati M5S – era nel programma del centrodestra, adesso che il centrodestra ha vinto le elezioni è arrivato il momento di rispettare il voto popolare e fare la differenza con il governo Crocetta”.
Il "no" al progetto del neodeputato Pino Galluzzo
«Il progetto scellerato di un mega inceneritore di rifiuti nella Valle del Mela è del tutto estraneo alla naturale vocazione del territorio, che deve puntare sulle risorse del settore turistico e sulle infrastrutture, sul commercio e sulla filiera dell’agroalimentare, sulle sue specificità ed eccellenze». Parte da lontano l’impegno di Pino Galluzzo, neoeletto all’Ars nelle fila del movimento di Nello Musumeci “Diventerà Bellissima”, per la tutela del territorio e dell’ambiente e per la promozione dello sviluppo e della qualità della vita.
Da sempre in prima linea su questi temi, il deputato regionale ha preso parte ieri alla delegazione ricevuta dal soprintendente di Messina, Orazio Micali, al termine della manifestazione di protesta indetta dal movimento ambientalista della Valle del Mela contro la paventata costruzione di un inceneritore alimentato con Css all’interno della centrale A2A di San Filippo del Mela.
«Questo progetto ha nomi e cognomi, essendo frutto della fallimentare politica di Crocetta e del suo partito – afferma Pino Galluzzo –. Riteniamo inaccettabile il piano del governo regionale uscente, avallato da Renzi e Gentiloni, di fare della nostra terra la pattumiera del Sud Italia». In linea con la propria storia personale fatta di lotte contro l’inquinamento nella Valle del Mela, il parlamentare propone di individuare soluzioni alternative, dando priorità assoluta al riciclo e al compostaggio, indicati anche dal presidente Musumeci come punti fondamentali del programma di governo sui rifiuti. «L’ambiente è al centro del mio impegno, oggi come in passato. Lo ribadisco con orgoglio, consapevole che la salvaguardia della salute e della sicurezza del territorio non si barattano per nessuna ragione – conclude Galluzzo. – La nostra bellissima Sicilia ha bisogno di ben altro, e su quello continueremo insieme a puntare e a lavorare».
giovedì 14 dicembre 2017

Dario Buonfiglio

    Vai a pagina
    segui il meteo
    ven 19
    27°-21°
    sab 20
    25°-20°