il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

La cultura, le tradizioni, la storia, sono indubbiamente l’identikit di una cittą, di una comunitą

Museo delle Machine festive e non solo. RADICI chiede spazio alla cultura e tradizioni

Stampa
La cultura, le tradizioni, la storia, sono indubbiamente l’identikit di una città, di una comunità. Con l’inizio dell’estate, soprattutto, il pensiero torna decisamente alle “icone”della nostra Messina: Vara e Giganti (ma non solo)
Per quale motivo nasconderli per quasi un anno intero all’interno di depositi e far fare loro solo una timida apparizione ad agosto? Perché non farci un museo? Non è la prima volta che RADICI interviene sulla questione pur riconoscendo che l’idea nasce dall’Architetto Nino Principato già nei primi anni ’90 ma ad oggi nessuna Amministrazione ha accolto l’invito.I consiglieri circoscrizionali e comunale nonché fondatori di RADICI Alessandro Cacciotto, Maurizio Di Gregorio e Libero Gioveni sottolineano l’importanza che il Museo delle Machine Festive avrebbe per diverse ragioni: si avrebbe la possibilità di esporre tutto l’anno la Vara, i Giganti, il Vascelluzzo,ilPagghiaru, le Barette, attirando cittadini e turisti. Cultura significa turismo e significa economia; sicuramente la nascita di un Museo, oltre ad implementare l’economia della città darebbe sicuramente la possibilità di creare occupazione: custodi all’interno del Museo, guide turiste, operatori turistici, traduttori.RADICI apprezza il lavoro della Commissione Cultura al Consiglio Comunale ma serve un cambio di marcia. Urge individuare una struttura Comunale o in alternativa stipulare un accordo con Enti diversi dal Comune per individuare l’ubicazione del Museo; necessario ovviamente il reperimento di risorse. Non solo però Museo. Il segretario di RADICI Emanuele Villari chiede che fine abbia fatto la scuola delle arti e antichi mestieri (uno dei capisaldi del programma del sindaco) che aveva a dicembre 2018 fatto il suo esordio in concomitanza con le feste natalizie e apprezzata negli intenti dall’Associazione. Villari infatti ritiene di fondamentale importanza che la città abbia e si alimenti di una memoria storica. Sarebbe importante che al di là delle emergenze giornaliere che indubbiamente hanno la priorità si costruisse un percorso politico culturale e storico che darebbe nuova linfa a Messina.
lunedģ 24 giugno 2019


    Vai a pagina
    segui il meteo