il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita e onesta

Dubbi e incertezze nei cittadini e negli amministratori di condominio

Porta a porta, le associazioni dei consumatori: l´amministrazione rifiuta il dialogo

Stampa
 A seguire il documento a firma dell'Avv. Fulvio Capria per 
Confconsumatori Messina e dela Dott.ssa Linda Paparone per Konsumer :
L’avvio ormai prossimo del servizio di raccolta dei rifiuti porta a porta, ancora oggi caratterizzato da dubbi e di incertezze nei cittadini nonché negli amministratori di condominio, cioè nei soggetti chiamati a dare una corretta esecuzione alla procedura, evidenzia ancora una volta come questa Amministrazione non ami il dialogo ed il confronto con la città, arroccata com’è nelle proprie aprioristiche verità, incurante dei disagi che le stesse possono portare alla cittadinanza.
 Così è stato in occasione della notifica di migliaia di cartelle per l’IMU del 2013, molte rivelatesi errate, avvenuta senza una preventiva iniziativa di comunicazione ai cittadini e di confronto con le associazioni dei consumatori. 
Così è stato anche per l’introduzione dello Shuttle, avviato da un giorno all’altro senza alcun preventivo avvertimento circa la modifica o la cancellazione di alcune linee del bus. 
Così, anche per il servizio di raccolta porta a porta, in cui l’Amministrazione è stata sempre sorda ad ogni richiesta di dialogo e di approfondimento con le associazioni dei consumatori, finalizzata ad affrontare e possibilmente risolvere alcune delle criticità che già si manifestano sulla carta. 
Analogamente sordi ad ogni istanza di confronto sono risultati fino ad oggi anche i rappresentanti della società partecipate, anch’essi evidentemente incanalati sul medesimo modus operandi di chiusura totale messo in atto dall’Amministrazione Comunale, mossi da un presunzione di infallibilità che spesso, com’è dato vedere, ha portato a risultati assai scadenti ed a danno dei cittadini 
Le scriventi Associazioni, che hanno sempre operato ricercando il dialogo con le istituzioni, prendono atto di tale censurabile atteggiamento da parte di chi gestisce la cosa pubblica (evidenziando che “pubblica” significa di tutti e non dei governanti) di fronte al quale si vedranno obbligate ad attenzionare con sempre più sollecitudine ed impegno l’operato dell’amministrazione, nell’interesse della città.
venerdì 14 giugno 2019


    Vai a pagina
    segui il meteo