il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Promuovere anche a Messina il registro per la bigenitorialitÓ

Cuore di papÓ uguale cuore di mamma

Stampa
L’Associazione Genitori per sempre e l’Associazione MDM ( Mantenimento Diretto movimento per l’Uguaglianza genitoriale), nel corso di una conferenza stampa in Sala Commissioni di Palazzo Zanca, ha spiegato il perché dell'importanza di istituire il Registro per la Bigenitorialità al Comune di Messina ed annunciato un incontro con i cittadini, domenica 16 giugno in Piazza Cairoli. 
Il Registro per la Bigenitorialità rappresenta una delle battaglie che le due associazioni stanno portando avanti da tempo e che, nei giorni scorsi, ha fatto si che fosse approvato, da parte del Consiglio Comunale di Messina, il Regolamento per l’Istituzione del Registro. Alla conferenza stampa hanno preso parte alcuni Consiglieri comunali. Noi sappiamo benissimo che ogni hanno ci sono 100 mila bambini che vengono affidati nelle aule di giustizia, ha spiegato Paolo Micali, vicepresidente MDM in rappresentanza dei tanti genitori separati o divorziati presenti, per questo è importante portare avanti questa battaglia, che per me è una battaglia di civiltà. Con questo vogliamo un cambiamento sia dal punto di vista politico, perché si appoggi il regolamento, sia dal punto di vista culturale, perché chi non vive queste situazioni non le capisce come dovrebbe. La nostra associazione non nasce per andare contro le nostre mogli, ma per tutelare i nostri figli. Noi vogliamo che loro crescano bene con i due genitori, e dicendo questo, si commuove. Sia la mamma che il papà hanno lo stesso cuore e allora perché noi padri dovremmo essere penalizzati nell'affido, per questo abbiamo creato il logo. "cuore di mamma, cuore di papà", ovvero uno dei simboli che abbiamo ideato noi e che sta girando in tutte le piazze d'Italia. Oggi, si parla di affido condiviso, ma solo legalmente non materialmente, già il fatto che si parli di genitore affidatario e genitore con diritto di visita, la dice lunga. Marino Maglietta, dell'associazione Crescere Insieme, aveva tentato di dare impulso ad una nuova legge sulla bigenitorialità, ma la legge sull'affido condiviso, la considera una legge tradita e così ha dato vita al primo registro sulla bigenitorialità nel 2014. Tale registro ha solo un valore formale, sta al Comune e in particolare all'assessore Calafiore di mantenere la sua promessa, dando pronta e reale attuazione anche tramite software, a quanto approvato dal Consiglio comunale, così che noi possiamo essere davvero partecipi della vita sanitaria, scolastica, etc. dei nostri figli . Il 16 giugno saremo in piazza Cairoli, per sensibilizzare, su questa tematica, la società anche sul piano culturale, che ci sembra oggi l'aspetto più importante. inoltre, vorremmo che si aprisse un tavolo tecnico con gli assistenti sociali, perché secondo noi il problema maggiore è di tipo culturale. Noi ci battiamo per: tempi paritetici, il mantenimento diretto (che oggi per fortuna da eccezione sta diventando la regola) e la lotta contro qualsiasi forma di violenza, ma anche di false accuse reciproche, perché le comunicazioni sui figli  siano fatte non al solo genitore collocatario, ma ad  entrambi i genitori. Noi abbiamo mandato una lettera al Tribunale di Messina e anche al Sindaco e vogliamo chiedere che come sono state fatte le panchine rosse per la violenza sulle donne, sia fatta una panchina azzurra simbolo della bigenitorialità.
mercoledý 12 giugno 2019

Marilena Faranda

    Vai a pagina
    segui il meteo
    mer 19
    28░-22░
    gio 20
    30░-20░
    ven 21
    25░-16░
    sab 22
    26░-15░