il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Inchiesta nata per la morte di tre marittimi sulla nave Sansovino nel 2016

La tragedia sulla nave Sansovino, cinque rinviati a giudizio e un patteggiamento

Stampa

Il Gup di Messina ha rinviato a giudizio Domenico Cicciò, Luigi Genghi, Fortunato De Falco, Giosuè Agrillo e la società Caronte&Tourist Isole Minori Spa, come persona giuridica, con le accuse a vario titolo di omicidio colposo e violazione delle norme sulla tutela della salute e sicurezza sul lavoro, nell’ambito dell’inchiesta nata per la morte di tre marittimi sulla nave Sansovino nel 2016.

Salvatore Virzì, comandante della nave invece ha scelto per il patteggiamento della pena a due anni di reclusione con il beneficio della sospensione. Luigi Genghi, è indagato in veste di armatore della motonave Sansovino, Domenico Cicciò in qualità di ispettore tecnico della società Caronte&Tourist Isole Minori, Fortunato De Falco, direttore di macchina, Giosuè Agrillo, come Dpa (designated person ashore) della società di gestione "Seastar Shipping Navigation Ltd»,deputata al controllo e alla verifica della corretta attuazione delle procedure previste dal manuale di gestione della sicurezza a bordo.L'inchiesta della magistratura nasce dalla tragedia nella quale persero la vita, intossicati, i tre marittimi Cristian Micalizzi di Messina, Gaetano D’Ambra di Lipari e Santo Parisi di Terrasini, avvenuta sulla Sansovino mentre era ormeggiata al molo Norimberga del porto di Messina.

martedì 12 febbraio 2019


    Vai a pagina
    segui il meteo
    ven 19
    15°-10°
    sab 20
    22°-15°