il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

In 8 puntile rivendicazioni

Messinaservizi , CMdB “Basta giocare d´azzardo sulla pelle dei lavoratori e dei cittadini“

Stampa
Questa mattina 19 gennaio, davanti ai cancelli dell'autoparco di via Salandra di Messinaservizi Bene Comune,i rappresentanti del movimento CMdB si sono  presentati per distribuire ai lavoratori un volantino dal titolo eloquente: "Basta giocare d'azzardo sulla pelle dei lavoratori e dei cittadini".
 In 8 punti ribadiamo quanto già affermato in questi mesi, ovvero che la minacciata liquidazione di Messinaservizi è una scelta politica dell'amministrazione comunale che non c'entra niente né con il fallimento di MessinAmbiente né con la legge Madia, a cui si appiglia l'Amministrazione Comunale per attuare la programmata privatizzazione della gestione rifiuti, mettendo a rischio occupazione e investimenti con probabili aumenti tariffari. Nel volantino si evidenzia l'ennesima bufala ai danni dei lavoratori e dei cittadini, ovvero la previsione di un premio di risultato da record mondiale pari a 18.000 euro per lavoratore, sproporzionato e destinato a non essere pagato perché legato all'improbabile (eufemismo) raggiungimento del 65% di raccolta differenziata a luglio, che verrà comunque caricato sulla Tari e pagato dai lavoratori e dai cittadini. 
"Perché non prevedere un premio di risultato equo e sicuro, per obiettivi intermedi, da incominciare a pagare già al raggiungimento del 30% a Marzo"?, scriviamo nel volantino, che evidenzia inoltre come oggi sia possibile fare investimenti per la raccolta differenziata, acquistando o noleggiando mezzi e cassonetti, grazie proprio alla nascita di Messinaservizi Bene comune, una società interamente pubblica creata grazie anche al sostegno dei lavoratori, dopo 4 anni di braccio di ferro con chi intendeva regalare ai privati un servizio che vale quasi 300 milioni in 9 anni di contratto di servizio. 
Oggi quel rischio di privatizzazione, sventato con la nascita di Messinaservizi Bene comune, è ritornato ed è per questo che come Cambiamo Messina dal Basso continuiamo la battaglia, nell'ambito della campagna “PARTECIPATE” lanciata lo scorso luglio, contro la liquidazione di MSBC e per mantenere in mani pubbliche i servizi pubblici essenziali Rifiuti, Trasporti, Acqua
sabato 19 gennaio 2019


    Vai a pagina
    segui il meteo
    sab 23
    22°-15°