il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Auspicano azioni comuni anche con altre associazioni

Via Garibaldi, comitato spontaneo per la questione dei parcheggi

Stampa
Un comitato spontaneo di commercianti della via Garibaldi e delle traverse limitrofe segnala e puntualizza quanto segue:
“Da qualche giorno assistiamo ad un teatrino che, a nostro avviso, non giova alla causa, confonde non poco tutti gli attori e mal rappresenta il pensiero di un nutrito gruppo di commercianti, che si è costituito in comitato spontaneo, rispetto alla risoluzione del problema parcheggi nella zona della via Garibaldi che và dalla Prefettura a Piazza Castronovo che non pochi problemi sta creando e del quale si è ampiamente letto e discusso sia sulla stampa che sui social. Ferma restando la volontà dell’Amministrazione Comunale alla quale le difficoltà sono state espresse in più sedi e tramite diversi interlocutori, non volendo entrare nel merito specifico della massiccia presenza dei vigili o degli ausiliari che impediscono non solo la sosta “breve” ma anche quella “istantanea”, i sottoscritti commercianti gradirebbero che i portavoce dell’Associazione “Le Vetrine della Via Garibaldi” parlassero ad esclusivo nome dei propri associati in quanto non tutti i titolari di esercizi commerciali che insistono nella zona si sentono rappresentati o ancora abbiano dato mandato di rappresentanza all’Associazione stessa. 
 Per canto nostro le osservazioni del caso sono state espresse all’Assessore al Commercio Avv. Dafne Musolino e ci risulta, per averlo letto sui giornali e per essere stati direttamente informati, che per la risoluzione della grave difficoltà sono state messe in campo tutte le azioni necessarie. Confermando quindi la massima fiducia nell’operato dell’Amministrazione che, siamo certi, agisce con uno spirito costruttivo e di certo non in danno ai commercianti, auspichiamo una buona collaborazione con l’Associazione dei Commercianti della via Garibaldi chiedendo anche l’iscrizione alla stessa al fine di poter intraprendere azioni “comuni”, supportate dalla totalità degli esercenti a tutela delle attività commerciali e dei posti di lavoro.
 Ovviamente se tale richiesta non dovesse essere accolta ci sentiamo più che pronti a costituire un’associazione che possa con le proprie azioni tutelare sia le Aziende che i residenti della zona.”
venerdì 9 novembre 2018


    Vai a pagina
    segui il meteo