il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Si possono riscontrante situazioni di pericolo per la pubblica incolumità

La IV Circoscrizione chiede maggiori controlli sullo stato dei lucernai di proprietà dei condomini

Stampa
Il consiglio della IV Circoscrizione presieduto da Alberto De Luca con delibera del 15 ottobre 2018 n. 39 mette in luce il problema dei lucernai di proprietà di privati e di condomìni in cattivo stato di conservazione che ricadono sui marciapiedi cittadini. Non è rara la presenza di lucernai, botole e tombini in cattivo stato di conservazione sui marciapiedi cittadini, la maggior parte di questi sono di proprietà dei condomìni o del proprietario del cantinato sottostante. La IV commissione Ambiente e Territorio della IV circoscrizione ha recentemente trattato l’argomento, tradotto in delibera di consiglio n. 39 del 15 ottobre 2018. 
“Abbiamo richiesto al comune di effettuare maggiori controlli sullo stato dei lucernai di proprietà dei condomìni presenti sul suolo pubblico, - dice Melita (coordinatore IV commissione) - invitando l’amministrazione a diffidare i proprietari laddove vengano riscontrante situazioni di pericolo per la pubblica incolumità”. 
 Il consiglio della IV Circoscrizione ha approvato all’unanimità la delibera, “tutti i consiglieri durante i lavori di commissione - continua Melita - hanno manifestato la loro preoccupazione per lo stato dei lucernai, mettendo in risalto la pericolosità degli stessi, indicandone diversi che necessitano di urgenti interventi di riparazione. I consiglieri hanno anche fatto presente che in caso di incidente è difficile contattare l’amministratore di condominio in quanto nella maggior parte dei condomìni cittadini non è affissa la targa con i dati dell’amministratore, prevista ai sensi dell’art. 1129 c.5 del cod. civ.”. La Corte di Cassazione con Ordinanza n 9625 del 19 aprile 2018 ha recentemente chiarito che quando un bene svolge la funzione di piano di calpestio per i passanti e la funzione di copertura per una proprietà sottostante, il ruolo di custode spetta anche a chi si giova della copertura. Per tale ragione, è il condominio ad essere tenuto al risarcimento dei danni subiti dalla passante che abbia inciampato nella piastrella mancante di vetrocemento che copre il sottostante lucernario condominiale.
martedì 23 ottobre 2018


    Vai a pagina
    segui il meteo
    sab 17
    22°-15°