il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

La professionalità dell’equipaggio della nave traghetto “Messina” e della motovedetta SAR CP 852 hanno permesso che l’accaduto non si trasformasse in tragedia

Studente piemontese “cade” in mare da nave traghetto nello Stretto di Messina

Stampa
Alle ore 12:13 di ieri 15 maggio, la sala operativa della Capitaneria di Porto di Messina ha ricevuto una richiesta di soccorso via radio da parte della nave traghetto “Messina” delle F.S. proveniente da Villa S. Giovanni, direzione Porto di Messina, che segnalava la caduta di un uomo in mare dalla stessa nave traghetto a circa 500 metri dall’imboccatura del porto.
Dalla nave traghetto è stato lanciato in mare un fumogeno per consentire ai soccorritori di non perdere di vista il punto in cui era caduto in mare la persona. Dalla stessa nave è stato calato un mezzo navale denominato (rescue boat) per partecipare alle ricerche del naufrago. Immediatamente è stata inviata sul posto la Motovedetta SAR CP 852 ed il battello veloce G.C. A 82 che preso il mare dopo pochi minuti dalla segnalazione, si sono dirette alla volta della zona operazioni. La Motovedetta SAR pochi minuti dopo ha intercettato l’uomo in mare, proprio in prossimità del fumogeno gettato in mare dal traghetto, il ragazzo è stato immediatamente recuperato e trasportato presso il molo della capitaneria di porto dove ad attenderlo c’era il personale medico del 118, allertato in precedenza, per le prime cure del caso. Il naufrago visibilmente provato e sotto shock, non ha riportato alcun trauma visibile, ma solo uno lieve stato di ipotermia, comunque è stato trasportato presso l’ospedale Piemonte per le cure del caso.
Lo stesso è risultato essere un ragazzo di 19 anni appartenente ad una scolaresca piemontese che si stava recando in gita nella Sicilia orientale, precisamente a Siracusa, dove avrebbero assistito alle tragedie del teatro greco. Sono in corso le indagini per accertare la dinamica dell’incidente. Con il giovane all’ospedale si è fermata una sua insegnante, mentre il resto della scolaresca ha proseguito il viaggio verso Siracusa.
Certamente la professionalità dell’equipaggio della nave traghetto “Messina” e la rapidità dell’intervento della motovedetta SAR CP 852 hanno permesso che l’accaduto non si trasformasse in tragedia.
mercoledì 16 maggio 2018

Dario Buonfiglio

    Vai a pagina
    segui il meteo
    gio 19
    28°-25°
    ven 20
    29°-25°
    sab 21
    28°-25°
    dom 22
    28°-22°