il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Chiesto un anno di reclusione e la restituzione delle somme (si va dai 18.400 euro ai 3.783,33 euro)

Alluvione di Giampilieri e Scaletta, la Procura chiede 52 condanne

Stampa
 Si avvicina la data della sentenza per tutte quelle persone accusate di aver usufruito dei risarcimenti post alluvione del 1° ottobre 2009 che causò 37 morti tra Giampilieri e Scaletta.
 Il Pm Antonio Carchietti ha consegnato le sue conclusioni, chiedendo la condanna a un anno di reclusione e la restituzione delle somme intascate per 52 persone (si va dai 18.400 euro ai 3.783,33 euro).
Il magistrato ha invece chiesto l’assoluzione per i due comandanti della Polizia municipale di entrambi i comuni, Letterio Alì di Scaletta e Giuseppe Trimarchi di Itala; per Salvatore Calabrò, responsabile dell’Ufficio tecnico di Scaletta e Giovanni Cuppari, capo ufficio tecnico di Itala, accusati di omissione in atti d’ufficio. Per loro, secondo l’accusa, il fatto non costituisce reato; proposto il non luogo a procedere per cinque persone nel frattempo decedute. L’indagine era partita qualche anno dopo l’alluvione. Furono centinaia i residenti che dovettero abbandonare la loro abitazione perché inagibile e per loro attraverso un’ordinanza di Protezione civile il Governo stanziò un aiuto di 450 euro mensili per coprire i costi di affitti ed altre necessità. Secondo la Procura, molte famiglie intascarono gli assegni, pur continuando a vivere nelle vecchie abitazioni. Ad indicarlo ci sarebbero i consumi di acqua e luce, che continuarono regolarmente dopo le varie ordinanze di sgombero.
giovedì 11 gennaio 2018


    Vai a pagina
    segui il meteo