il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Si rischia di non poter effettuare concretamente il servizio nei due mesi, di Gennaio e Febbraio

Gioveni e Cacciotto segnalano la paralisi della potatura alberi

Stampa
“Gli studi teologici di Ortigia (SR) paralizzano la potatura cittadina”. Interruzione di pubblico servizio. Urgono chiarimenti da parte dell’Assessore Ialacqua. La festa dell’albero suona come l’ennesima presa per i fondelli. I consiglieri Alessandro Cacciotto (Terza Circoscrizione) e Libero Gioveni (Consiglio Comunale) inoltrano la presente per segnalarela paralisi della potatura alberi  . La notizia, di cui si chiede espressa conferma, è davvero singolare, per certi versi disarmante, politicamente irresponsabile, offensiva per i cittadini, che dimostrerebbe purtroppo, ancora una volta, l’inadeguatezza e l’approssimazione dell’Assessore Daniele Ialacqua, Assessore al verde cittadino.
Andiamo con ordine: è piuttosto risaputo che la città vive un momento a dir poco “drammatico” in termini di cura del verde pubblico, in particolar modo sotto il profilo della potatura degli alberi.
 Sono tanti gli alberi che con le loro folte chiome hanno invaso balconi, finestre, ostruito pali della pubblica illuminazione, provocato allergie, diffusione di insetti con seri disagi per tutta la popolazione da sud a nord della città e viceversa.
 Gli alberi della via Gerobino Pilli a Camaro san Paolo hanno ostruito tutta la visuale, soprattutto quelli della parte bassa, quelli della via Comunale Camaro, via Catania, Provinciale e potremmo ancora continuare abbondantemente. Come risaputo, il periodo della stagione fredda, per intenderci da Ottobre a Febbraio, è quello più idoneo per effettuare i lavori di potatura.
Ad oggi, nonostante le tante richieste che gli scriventi hanno “elemosinato” all’Assessore Ialacqua di potatura di alcune zone, non solo non si è proceduto a muovere chiodo, ma sembrerebbe che il servizio non possa letteralmente essere effettuato. Le ragioni? Innanzitutto c’è da sottolineare un fatto piuttosto grave: da quattro mesi il Dirigente del Dipartimento, Ing. Domenico Manna, sembra essere in malattia e nonostante l’assenza non si è provveduto alla sua temporanea sostituzione con il capo area, secondo determina sindacale.
L’ Arch. Denaro, fino a quasi un anno fa Direttore dei Lavori in materia di potatura alberi, ha passato lo “scettro” al Geom. Michele Ferrante. Quest’ultimo ha pensato bene di “abbandonare” temporaneamente il timone alcune settimane fa, protocollando nei primissimi giorni di novembre una richiesta di autorizzazione ad usufruire di 150 ore di permesso retribuito per effettuare degli studi religiosi a Ortigia (SR); fino a fine novembre. Successivamente lo stesso Direttore dei Lavori avrebbe ulteriormente “prolungato” il suo periodo di assenza da Palazzo Zanca fino a fine Dicembre sempre per motivi di studio. Adesso, a prescindere che non tocca certamente agli scriventi entrare nel merito delle scelte personali fatte da una persona, nel caso di specie dal Geom. Michele Ferrante, anche se si nutrono certi dubbi sulla legittimità dell’autorizzazione da parte di Palazzo Zanca ( la legge recita testualmente che per usufruire dei permessi è necessario documentare preventivamente e ad inizio anno l’iscrizione ad un corso di studio, cosa che Ferrante non avrebbe fatto), è a dir poco singolare che nel momento in cui vanno programmati ed effettuati gli interventi di potatura, il Direttore dei Lavori improvvisamente si assenti per due mesi. Ma cosa ancora più grave, senza un impegno di spesa per gli interventi di potatura che va effettuato entro e non oltre il 31 dicembre si rischia di non poter effettuare concretamente il servizio nei due mesi, Gennaio e Febbraio a questo punto rimanenti. Quello descritto sopra è un fatto che, se confermato dallo stesso Ialacqua, ma non vediamo perché non dovrebbe farlo dal momento che quanto dai sottoscritti spiegato è documentalmente comprovato, dimostra l’inadeguatezza dello stesso Assessore a ricoprire e ad avere ricoperto questo ruolo. Dimostra l’approssimazione con cui si fanno le cose. Nessuno vuole impedire al Dirigente di usufruire della sua giusta malattia o al Direttore dei Lavori di studiare a Ortigia, ma è paradossale che un intero Dipartimento, abbastanza delicato, venga praticamente lasciato in balia delle onde. L’Assessore Ialacqua non può perennemente giocare a fare lo scarica barile oppure organizzare tavoli tecnici che non portano a nulla. La gente è stanca e delusa da questa esperienza amministrativa soprattutto in tema di cura del verde pubblico. Suona come l’ennesima presa per i fondelli la festa dell’albero sponsorizzata dallo stesso Assessore quando poi non è possibile garantire l’espletamento di un servizio. Gravissimo l’atteggiamento politico dell’Assessore Ialacqua incapace di reggere un Assessorato e di dare indicazioni ad un Dipatimento, quello all’Ambiente, al Verde Pubblico, all’Igiene Cittadina, a dir poco delicatissimo. Un ennesimo scivolone politico da parte di Ialacqua e non solo.
Tutto ciò premesso, i i consiglieri Interrogano Il Sig. Assessore all’Ambiente, Prof. Daniele Ialacqua affinchè dia chiarimenti sulla vicenda di cui sopra; Chiedono Se confermati i fatti, di riferire urgentemente come procedere alla programmazione e ad effettuare i lavori di potatura degli alberi cittadini; Ribadiscono Per l’ennesima volta l’assoluta urgenza di provvedere alla potatura degli alberi cittadini, in particolare di quelli ubicati a Camaro San Paolo, via Gerobino Pilli, in via Comunale Camaro, necessitando di assoluta priorità di intervento.
venerdì 24 novembre 2017


    Vai a pagina
    segui il meteo