il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Hanno dato esecuzione a due distinte ordinanze di custodia cautelare

Milazzo : intensificati i controlli. Due arresti dei Carabinieri

Stampa
Nei giorni scorsi, i Carabinieri della Compagnia di Milazzo ed in particolare i militari della Stazione di Milazzo hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare emessa dalla Corte di Appello di Messina su richiesta avanzata dalla locale Procura Generale, a carico di FRANDES Alina Cristina, cittadina rumena, cl. 1984, residente a Milazzo (ME), poiché ritenuta responsabile di danneggiamento ed evasione.
Il provvedimento cautelare scaturisce dall’esito dell’attività svolta dai Carabinieri a seguito di un intervento effettuato nella nottata dell’1 novembre u.s., che permetteva di evidenziare come la prevenuta, che si trovava sottoposta alla misura degli arresti domiciliari presso la sua abitazione, si allontanava per compiere dei danneggiamenti. In particolare, nella nottata del 1 novembre, una pattuglia del N.O.R.M. – Aliquota Radiomobile, interveniva su richiesta di alcuni vicini della FRANDES, che denunciavano il danneggiamento della propria autovettura. I Carabinieri intervenuti nell’occasione acquisivano utili elementi che dimostravano come la 33enne cittadina rumena, per futili motivi, si era allontanava dal proprio domicilio per danneggiare prima la porta e poi l’autovettura dei vicini. La Corte di Appello di Messina, ritenuto che il comportamento della FRANDES e i fatti denunciati costituivano una violazione dei divieti a cui era sottoposta, disponeva l’aggravamento della misura degli arresti domiciliari con provvedimento custodiale. L’arrestata, al termine delle formalità di rito, su disposizione dell’A.G. è stata accompagnata presso la Casa Circondariale di Messina Gazzi.
Altra ordinanza è stata eseguita dai carabinieri della Stazione di Fondachello Valdina che hanno condotto agli arresti domiciliari MILAZZO Carmelo, anch’egli destinatario di una misura di aggravamento. Nello specifico l’uomo, già ritenuto responsabile del reato di ricettazione perché trovato in possesso, in Milazzo, l’11 ottobre 2016, di un motore fuori bordo di un’imbarcazione risultata essere oggetto di furto, a seguito della misura del divieto di dimora nella provincia di Messina, si è reso autore di diverse violazioni alle prescrizioni impostegli, non ultime a quelle della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, cui tra l’altro risultava essere sottoposto.
giovedì 23 novembre 2017


    Vai a pagina
    segui il meteo
    mer 13
    16°-8°
    gio 14
    13°-7°
    ven 15
    12°-5°