il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Il 7 Marzo 1947 le forze dell’ordine, al grido di “avanti Savoia”, spararono su chi chiedeva pane e lavoro

Federazione della Sinistra commemorerà l’eccidio 7/03/1947

Stampa
Fu il 7 marzo 1947 la prima strage che ebbe protagonisti i lavoratori e le forze dell’ordine. La Messina della rinascita si ritrovò in piazza quella mattina a protestare per il pane ed il lavoro e contro il carovita con circa 40.000 partecipanti, ma incontrò le pallottole di piombo sparate dagli agenti che, a freddo e senza alcuna ragione, al grido di “Avanti Savoia” fecero tre vittime: Giuseppe Maiorana, 41 anni, commerciante di calzature militante del P.C.I, Biagio Pellegrino, 34 anni, manovale, anche lui militante comunista e Giuseppe Lo Vecchio, operaio 19enne. In 80.000, il giorno dei funerali, aspettarono i feretri di coloro che caddero anche per il clima di viscerale anticomunismo dell’epoca, e qualcuno oltre alle bandiere rosse posò sulle bare un tozzo di pane. A 65 anni dal tragico evento la Federazione della Sinistra parteciperà, anche quest’anno, alla manifestazione commemorativa di quei morti e con loro di tutti i caduti sul lavoro, che si terrà davanti alla Prefettura di Messina alle ore 10.30 per riportare alla memoria collettiva il senso del sacrificio dei tre martiri, in una città che anche a tanti anni di distanza, vive ancora in un’area di povertà e di degrado sociale ed economico.
martedì 6 marzo 2012


    Vai a pagina
    segui il meteo
    dom 23
    17° - 25°
    lun 24
    15° - 24°
    mar 25
    18° - 24°
    mer 26
    17° - 24°
    gio 27
    18° - 25°