il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita e onesta

I progetti SelfIEmployment e Yes I Start Up a sostegno dei Neet

Microcredito e start up per imprese a sostegno dei giovani

Stampa
Un focus dedicato al mondo dell’imprenditorialità al Sud e ai progetti destinati a chi vuole fare impresa. Sono questi i temi centrali dell’incontro “Politiche per lo sviluppo in favore dello start up delle piccole imprese e attività professionali” che si è svolto questa mattina nell’Aula Magna del Rettorato dell’Università degli Studi di Messina. 
Un appuntamento promosso dall’Ente Nazionale Microcredito per fare conoscere soprattutto ai giovani Neet due progetti SELFIEmployment e Yes I Start Up affidati da ANPAL che prevedono un percorso di accompagnamento e supporto allo start up di impresa, ed un finanziamento a tasso zero fino a 50 mila euro per chi vuole intraprendere un’esperienza imprenditoriale.
L’Università con molta soddisfazione – dichiara il Prorettore Vicario Prof. Moschella – ospita questa iniziativa che rappresenta una tappa fondamentale per instaurare un proficuo dialogo istituzionale e per fornire informazioni riguardo alle potenzialità delle start up ed agli strumenti di microcredito”. 
Uno sguardo rivolto alla provincia di Messina che mostra un profilo caratterizzato da un forte ritardo economico, demografico e amministrativo con conseguente impoverimento del capitale umano dall’altra c’è una fetta di società che è attiva, basti pensare che nel 2019 sono nate 638 imprese, un trend in positivo rispetto al 2018. Aumentano le imprese femminili soprattutto sul settore turismo, commercio e servizi alla persona. 
I progetti SELFIEmployment e Yes I Start Up tendono, dunque, a sostenere l’autoimpiego e l’autoimprenditorialità dei giovani NEET registrati al Programma Garanzia Giovani attraverso un’attività formativa, che possa consentire al giovane di acquisire le conoscenze di base per la creazione e la gestione di un’attività imprenditoriale anche ai fini della presentazione della domanda di finanziamento. 
Messina – ha dichiarato l’On.Baccini, presidente Ente Nazionale Microcredito – è una capitale importante della cultura e la sua prestigiosa Università rappresenta, per noi, un punto di riferimento. E’ importante poter svolgere qui un incontro rivolto ai giovani. Rivolgendoci a loro e pensando al loro futuro, come Ente del Microcredito stiamo lavorando per sollecitare tutti i segmenti della società, affinché si focalizzi la priorità, anche politica, sulle nuove generazioni. Lo stiamo facendo offrendo formazione, ma anche strumenti e possibilità di intervento con finanziamenti per i ragazzi dai 18 ai 29 anni che oggi sono definiti NEET. Abbiamo a disposizione progetti affidatici dall’ANPAL, cioè Yes I Start Up e SELFIEmplyment, che potranno aiutarci a condurre, sino ad un finanziamento massimo di 50 mila euro senza interessi, i giovani con valide potenzialità e idee d’impresa. I ragazzi devono ritrovare in se stessi le grandi capacità di cui dispongono e questa possibilità può essere un input creativo”. 
Molti gli interventi in programma affidati al Prof. Francesco Verbaro, Senior Advisor dell’ADEPP (associazione degli enti previdenziali privati), dott. Carlo Maletta, Presidente UCID di Messina, Dott. Giancarlo Proietto, Responsabile operativo SelfIEmployment e Yes I Start Up, Dott. Nicola Patrizi, Project Manager ENM progetto SelfIEmployment e Yes I Start Up, Prof. Giacomo Gargano, presidente IRFIS, dott. Ivo Blandina, presidente Camera di commercio di Messina, dott. Enrico Spicuzza, presidente dell’ordine dei dottori commercialisti di Messina, ing. Gaetano Sciacca, direttore del Centro per l’impiego di Messina, dott. Rosario De Luca, referente rete Eures, dott. Ignazio Gattuso, comitato promotore delle consulte giovanili siciliane. 
Già da due anni – ha dichiarato l’Assessore all’Istruzione e Formazione della Regione Siciliana On. Lagalla – la Regione Siciliana ha avviato, con gli enti di ricerca, una politica di collaborazione nei confronti dell’impresa, per la creazione di start up giovanili. E’, attualmente, in corso il bando ‘Giovani 4.0′ che migliora la qualità della formazione individuale e la conoscenza linguistica. E’ attivo anche un bando, pubblicato alla fine di dicembre, per la formazione in impresa, per giovani diplomati e laureati che potranno svolgere un percorso all’interno delle imprese, acquisendo quanto necessario in relazione al fabbisogno aziendale. E’ chiaro che un’attività individuale o di start up ha bisogno di risorse economiche ed ecco che il Microcredito, istituto ancora poco frequentato, in realtà mostra tutta la sua utilità per aiutare i giovani a costruire il loro futuro, svincolati da altri pericolosi contatti in termini di indebitamento”.
venerdì 31 gennaio 2020

Cristina D'Arrigo

    Vai a pagina
    segui il meteo