il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Punto di riferimento per il divertimento formato famiglia

Oliveri.sequestro del «Mojito Club». Contestate le alte emissioni sonore durante la notte

Stampa
Oliveri.   La stagione estiva è per antonomasia il periodo delle ferie e dei divertimenti, ma anche delle opportunità lavorative, specialmente per i tanti giovani del Sud-Italia e della Sicilia, impegnati particolarmente nei lidi balneari, da decenni centri di intrattenimento e di socializzazione nelle località rivierasche, che accolgono migliaia di turisti, i quali non disdegnano di concedersi un refrigerio dall’opprimente calura col sorseggiare un drink alla frutta ed ascoltando tanta buona musica, emanata piacevolmente tutto il giorno dai medesimi stabilimenti marini. La vocazione turistica di alcune località viene tuttavia disattesa alcuni spiacevoli episodi, che lasciano un fondo d’amarezza e d’indignazione, allorquando alcuni vacanzieri non tollerano le emissioni sonore durante quelle ore notturne, che trasformano quei luoghi in centri della movida, data peraltro la difficoltà a dormire sotto l’afoso clima canicolare, precludendo sia ai giovani di trascorrere alcune ore liete, sia agli operatori della ristorazione di esercitare serenamente la loro attività economica. E' il caso del lido «Mojito Club», il cui titolare Michelangelo Alessandro sta vivendo un autentico incubo, iniziato la notte di martedì 20 agosto alle ore 2:40, allorquando sette pattuglie dei Carabinieri della Compagnia di Falcone, al comando del Maresciallo Giuseppe Emanuele, hanno apposto i sigilli, mentre era in corso una serata di intrattenimento musicale.
 «Il problema nasce da cinque persone, residenti del centro vacanze “La Tonnara”, le quali hanno dato vita ad un’autentica rappresaglia personale, – ha spiegato Michelangelo Alessandro – poiché hanno addotto lamentazioni del tutto prive di fondamento.
 Si tratta dunque di un atto che potrebbe influire negativamente  sulla lodevole iniziativa di alcuni giovani di buona volontà, che si spendono per creare opportunità lavorative a se stessi ed ai loro concittadini, ma anche ad assestare un duro colpo ad una debole economia, quale quella del territorio di Oliveri, che si poggia sul turismo stagionale dei tre mesi caldi, da cui attinge tutta il suo reddito annuale.
venerdì 23 agosto 2019

Foti Rodrigo

    Vai a pagina
    segui il meteo