il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Scarichi fognari abusivi nel torrente San Licandro

Stampa
Dodici scarichi abusivi, (non allacciati alla rete fognante) che servivano una totalità di circa 150 famiglie, e che scaricavano nel torrente San Licandro, che andava a finire a mare alla fine di via Brasile, inquinando quella zona. Lo riporta il sindaco Cateno De Luca dopo le analisi effettuate dall’Amam, che hanno consentito di scoprire gli allacci abusivi. De Luca ha in preparazione un’ordinanza sindacale secondo la quale i proprietari di immobili non ancora allacciati alla rete fognaria  sono obbligati a procedere, nel giro di un mese, all’avvio dell’iter utile all’allaccio degli scarichi di competenza. Gli immobili i cui proprietari non provvederanno all’allaccio, saranno ritenuti inagibili in quanto privi di autorizzazione allo scarico. Gli Amministratori di condomini sono tenuti a dichiarare, entro e non oltre 30 giorni dalla pubblicazione della presente, la conformità degli scarichi ed il regolare allaccio alla rete fognaria cittadina. Qualora gli stessi, dietro controllo di loro competenza, riscontrino la non conformità degli scarichi, hanno l’obbligo di presentare, entro lo stesso termine, apposita denuncia con l’impegno di adeguare gli scarichi.

“La gente – spiega il sindaco  De Luca – alla foce del torrente Licandro fa i bagni, tuttavia in quelle acque, in un posto per altro molto bello, ci sono alcuni scarichi e ne abbiamo già beccati una decina abusivi. Si tratta di scarichi importanti. Amam mi dice che si tratta di qualche condominio e questi scarichi di li stiamo chiudendo. Non si può continuare così. Qui sennò altro che la bandiera blu, possiamo chiedere la bandiera di merda con queste situazioni. Tutto avviene alla luce del sole, merda alla luce del sole e nessuno interviene. è una vergogna che un gestore di un lido mi ha detto che è stata denunciata da anni invano. Ora mi auguro che riusciremo a risolvere questa emergenza, qui come in tutti gli altri torrenti. La gente deve poter fare i bagni in sicurezza, risolveremo anche questo problema”.

venerdì 23 agosto 2019


    Vai a pagina
    segui il meteo