il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Si chiude l'era del vino siciliano sfuso

Vino, la Doc Sicilia taglia il traguardo degli 80 milioni di bottiglie

Stampa

La Sicilia “chiude” l’era del vino sfuso. Il quotidiano "Il Sole 24 ore" ha evidenziato ieri questa interessante notizia. Finalmente un cambiamento di rotta positivo per la produzione e la commercializzazione del vino Doc in Sicilia. Storicamente le due principali regioni produttrici del Mezzogiorno, Sicilia e Puglia, hanno sempre rappresentato il grande bacino produttivo di vino italiano commercializzato allo stato sfuso, ovvero senza etichetta, e che spesso veniva venduto ad aziende di altre aree d’Italia, o anche d'Europa, per essere tagliato con altri vini. Qualcuno forse ricorderà le vere e proprie guerre del vino combattute negli anni '80 alla frontiera tra Italia e Francia, con vignerons francesi che rovesciavano botti di vino italiano per protesta Ricordi che appartengono sempre più a un'epoca passata viene da pensare scorrendo i dati produttivi del Consorzio della Doc Sicilia, la recente (è nata nel 2011) denominazione regionale che ha tagliato nel 2018 l’importante traguardo degli 80 milioni di bottiglie prodotte. Un risultato che testimonia anche una grande accelerazione visto che nel 2017 le bottiglie prodotte erano state 29 milioni e pertanto nell’arco di 12 mesi si è registrata una crescita del 173 per cento.

Fonte: (Il Sole 24 ore)

giovedì 24 gennaio 2019


    Vai a pagina
    segui il meteo
    ven 19
    15°-10°
    sab 20
    22°-15°