il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Lo spettacolo si svolgerà venerdì 28 dicembre al Teatro Vittorio Emanuele

DanzaeMotus tra memoria e visioni future

Stampa
1908-2018: memoria e oblio. Una storia lunga 110 anni scritta, cancellata e riscritta dal popolo messinese, che non ha mai dimenticato la valenza storico-culturale di una città i cui segni, incisi nel territorio, hanno resistito alla furia devastante dei cataclismi e, successivamente, della “mano” dell’uomo. “DanzaeMotus tra memoria e visioni future”, lo spettacolo della Compagnia “Marvan Dance Group” di Mariangela Bonanno accompagnata dall’orchestra “Sinfonietta Messina” diretta dal maestro Ezio Spinoccia - con la partecipazione delle formazioni corali “Note Colorate” diretto da Giovanni Mundo, “Sirokos” diretto da Santi Castellano, “I Mirabili” diretto da Sonia Mangraviti e del soprano Martina La Malfa - per la regia di Valerio Vella, non è solo una celebrazione dei fasti della Città prima del terremoto, ma anche la riflessione sulle “sventure… che l’esperienza ha dolorosamente dimostrate fatali e frequenti” affinché “ci si organizzi meglio alla guerra della natura contro l’uomo” (Guido Mazzoni). 
L’evento, rientra nell’ambito delle iniziative ideate dall’assessorato alla Protezione Civile del Comune di Messina - in collaborazione con la Prefettura, l’Università, l’Arcidiocesi, istituzioni, enti, ordini professionali, associazioni e club service, finalizzati soprattutto alla sensibilizzazione della cittadinanza sulla consapevolezza e resilienza del rischio sismico e sulla cultura della prevenzione in un territorio fragile come quello messinese. 
Un recupero della memoria, raccontato attraverso colonne sonore note e meno note di Ennio Morricone, riarrangiate dal maestro Spinoccia e suggellato dalla proiezione di fotogrammi d’epoca e brani tratti dal testo di Maksim Gor’kij “Il terremoto in Calabria e Sicilia” letti dall’attore Luca Fiorino e dalle coreografie di Mariangela Bonanno, Alice Rella e Giorgia Di Giovanni che faranno da raccordo tra l’immaginario collettivo e la memoria storica.
martedì 25 dicembre 2018


    Vai a pagina
    segui il meteo