il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Estetica oncologica a Villa Salus

“Per Te donna Onlus”, il binomio con Federfarma

Stampa
Si è svolta nei giorni scorsi l’annunciata manifestazione organizzata alla Villa Salus dell’Associazione “Per Te donna”, in sinergia con Federfarma Messina , sul tema dell’estetica oncologica. 
Un sostegno prezioso per le donne che, soggette ad interventi e terapie invasive, devono sobbarcarsi anche il “peso” di problemi di immagine. Una professionista del settore, la Dott.ssa Myriam Mazza, Farmacista e Cosmetologa, specializzata in Estetica Oncologica e Presidente dell’Associazione “Ricomincio da Me”, da cui prende il nome l’intero progetto, ha messo a disposizione la sua esperienza, con consigli ed informazioni.Le molte donne che hanno partecipato all’evento, hanno mostrato grande interesse per gli argomenti trattati, traendo coraggio e trovando risposte ai mille interrogativi che accompagnano la malattia, come quelli riguardanti la perdita dei capelli o il maquillage.Soddisfatta la Presidente dell’Associazione “Per Te Donna” Graziella Di Blasi. “ Può sembrare un argomento banale, superficiale, invece i cambiamenti estetici a volte fanno più paura della malattia, paradossalmente anche in donne che fini a qualche tempo prima non curavano il loro aspetto. Per questo , come Associazione, abbiamo immediatamente sposato il progetto, con il prezioso sostegno di Federfarma Messina e della Villa Salus. E’ un grande conforto sapere che accanto alle terapie oncologiche esiste anche la possibilità di salvaguardare la propria bellezza nonostante il tumore”.Effettivamente, riuscire a superare il disagio della percezione di se stesse come persone malate di cancro, rappresenta un passo importante nel processo di ricostruzione della vita dopo la malattia. La qualità della vita è importante, oltre che propedeutica per la guarigione; tale impostazione, impensabile fino al recente passato, rappresenta una nuova frontiera per gli operatori sanitari e per le donne. Un messaggio di forza che può essere da stimolo per tutte coloro che, sbagliando, non si sottopongono ai controlli per paura delle diagnosi e dunque delle terapie. I segni lasciati sul corpo, hanno da sempre rappresentato un marchio che ricorda la condizione di persona malata, con conseguenze negative sulla vita sociale, che viene vissuta all’insegna dell’insicurezza e dell’imbarazzo, un perenne stato di disagio per un’immagine non complementare.E’ opportuno incentivare iniziative come questa, con il supporto di operatori sanitari sensibili ed associazionismo attivo. Una bella scommessa per il futuro!
venerdì 19 ottobre 2018

Gabriella Giannetto

    Vai a pagina
    segui il meteo
    sab 17
    22°-15°