il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

In occasione della visita di Papa Francesco a Palermo

Riproduzione tela lettera Madonna in cinese sarà consegnata al Papa

Stampa
In occasione della visita di Papa Francesco alla comunità Speranza e Carità di Biagio Conte di Palermo il prossimo 15 settembre, verrà consegnato al Santo Padre da parte di Nino Giordano, presidente dell’associazione culturale Movimento Giorgio La Pira per il Mediterraneo, un dono dalla valenza particolare per il nostro pontefice gesuita. 
Si tratta della riproduzione fotografica ad alta definizione di un inedito manoscritto del secolo XVII, opera di un giovane gesuita messinese missionario nelle Indie orientali, recentemente rintracciato nei depositi del Museo regionale di Messina, che riporta la traduzione in lingua cinese della leggendaria lettera di protezione alla città di Messina che la Madonna avrebbe consegnato ad alcuni ambasciatori della città dello Stretto giunti nell’anno 42 a Gerusalemme in compagnia dell’apostolo Paolo. Il culto della Madonna della Lettera inizia ad attestarsi a Messina intorno al xvi secolo sino a raggiungere la sua forma compiuta nel secolo successivo grazie, in particolar modo, all’impegno e alla devozione degli ambienti gesuitici della città. Il manoscritto, vergato a pennello su una tela di lino di piccole dimensioni (27 per 23 centimetri) versava prima del restauro in precarie condizioni di conservazione, suddiviso in due grandi frammenti più altri minori, sui quali sono leggibili due distinte iscrizioni, seppur lacunose: la prima, una sorta di titolatura in italiano con caratteri librari su quattro righe, e l’altra su 14 colonne con caratteri cinesi. Nonostante la documentazione del museo non fornisse alcuna notizia sulla reale natura del manufatto, è stato possibile ricostruirne la storia, l’epoca, nonché l’identità dei personaggi che concorsero alla sua realizzazione. Se dalla traduzione dell’iscrizione in cinese sono emersi da subito inequivocabili e ampi riferimenti al testo della Lettera della Madonna ai messinesi, dall’incipit in italiano, particolarmente frammentario, è stato possibile individuare il contesto generale, ovvero quello della Compagnia di Gesù orbitante intorno al noviziato di Messina. Fortunatamente, dal diffuso degrado della tela è stata esclusa la parte che riporta un nome: “P. Placido Giunta”. è proprio seguendo le orme di questo gesuita messinese, oggi dimenticato ma che ebbe grande notorietà e seguito nella Messina del xvii secolo al punto da meritarsi l’appellativo di “apostolo di Messina”, che si è riusciti a intercettare, tra burrascosi viaggi verso le Indie Orientali, la piccola tela manoscritta. (Fonte: L'Osservatore Romano)
giovedì 13 settembre 2018


    Vai a pagina
    segui il meteo
    sab 22
    30°-26°
    dom 23
    29°-25°