il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Il 21% dei giovani siciliani lascia gli studi dopo la terza media

Abbandoni scolastici, la Sicilia: è prima in Europa

Stampa
PALERMO - In Europa l’Italia ha il più alto numero di studenti quindicenni con scarsi risultati in italiano, matematica e scienze e il più alto tasso di abbandono scolastico. In Italia, la Sicilia ha il più alto numero di studenti quindicenni con scarsi risultati in italiano, matematica e scienze e il più alto indice di abbandono scolastico. La ripetizione serve a rimarcare la triste realtà: i giovani siciliani sono i meno competenti in Europa, quindi hanno meno possibilità di lavorare. Il primo quadro è tracciato dal rapporto “Education and Training Monitor 2017” dell'Ue, da cui ha ieri preso le mosse la Svimez per elaborare altri dati Istat. Dice Gianni Bocchieri, docente a contratto dell’Università di Bergamo, spiegando che il problema non è il quoziente intellettivo, ma le condizioni socio-economiche: «I giovani italiani registrano uno scarso livello di competenze di base: nel 2015 la percentuale di studenti quindicenni con risultati insufficienti in italiano, matematica e scienze è stato superiore al 20%; l’abbandono scolastico continua ad essere consistente, assestandosi nel 2016 al 13,8% (3 punti in più rispetto alla media Ue del 10,7%). Sono fenomeni disomogenei all'interno del Paese, con divari tra Nord e Sud. Il tasso di abbandono scolastico siciliano è il più alto tra le regioni italiane (il 21% nel 2017) e gli studenti che frequentano il tempo pieno sono appena il 7%, a fronte di una media nazionale del 35%. Il rapporto 2018 sulle prove Invalsi rileva che in Sicilia è più alta l’incidenza di insoddisfacenti risultati dell’apprendimento, con studenti dallo status socio-economico più svantaggiato che non conseguono neppure i livelli minimi di competenze. Questi problemi si riflettono sul passaggio all'università, con il calo delle iscrizioni che nell'ultimo quinquennio è stato di circa l’8%». Il lavoro che non c'è e lo sfruttamento della manodpera locale, sottopagata, creano una situazione di estremo disagio.


giovedì 13 settembre 2018


    Vai a pagina
    segui il meteo
    sab 22
    30°-26°
    dom 23
    29°-25°