il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

L’iniziativa è stata aperta dalla prolusione di Mons. Giuseppe Merisi

Al via la Settimana teologica 2017

Stampa
“Incontrare Dio nella città”, è questo il tema scelto per la Settimana Teologica 2017, promossa dall’Arcidiocesi di Messina-Lipari-S. Lucia del Mela ed ospitata fino a mercoledì 15 marzo nell’Aula Magna del Rettorato dell’Università degli Studi di Messina. 
La tre giorni è stata inaugurata, ieri pomeriggio, con un momento musicale proposto dalle voci bianche e giovanili del coro “Note Colorate”, diretto dal maestro Giovanni Mundo, seguito dal dibattito moderato dal delegato episcopale per il laicato, mons. Tindaro Cocivera e dalla prolusione di Monsignor Giuseppe Merisi, vescovo emerito di Lodi e membro della Commissione episcopale per il laicato. 
Presente l’arcivescovo diocesano, monsignor Giovanni Accolla al quale mons. Crocivera ha rivolto il seguente augurio “che il suo ministero episcopale sia un segno sempre più forte della tenerezza di Dio e guida attenta, forte e sicura passi in mezzo a noi come Gesù, libero pastore”. 
Un momento di occasione spirituale per camminare insieme e testimoniare la gioia di essere cristiani, un momento di incontro-confronto tra le giovani generazioni che nonostante il clima di insoddisfazione e paura per il futuro continuano a credere e a restare a Messina. 
Non è un tema scelto a caso quello dell’edizione 2017 perché come ha sottolineato mons. Merisi risponde ad un interrogativo molto importante “Si puo’ incontrare Dio nella città di oggi? Si, se si riconosce l’altro come dono, se si guarda l’altro con cuore aperto, se ci si impegna a vivere nella carità, nell’attenzione, nell’aiuto. La città è il luogo principale che deve stimolare il confronto democratico in tutte le persone è la testimonianza di fede ci insegna che Dio vive nella città”. 
Uno sguardo di speranza è stato consegnato anche da mons. Accolla che ha sottolineato quanto “sia possibile incontrare Dio nella città, in quel tempio dove ognuno si può identificare, perché noi siamo il tempio di Dio. E’ nella voce degli ultimi che dobbiamo e possiamo aumentare la nostra sensibilità ad accogliere la provocazione della voce del Signore. Tutti ci rendiamo conto che abbiamo cittadini che non parlano tra di loro, istituzioni e realtà sociali che non dialogano tra loro, non riescono a fare l’esperienza dei vasi comunicanti per riscoprire l’identità che non è povertà ma ricchezza. Mi accorgo che questa città ha delle risorse umane splendide mortificate a volte da una miopia dell’ambizione che maschera tutto”. 
Gli appuntamenti continuano, martedì 13 marzo, alle 18:00, interverrà Luca Diotallevi, docente di Sociologia all’Università di Roma Tre, che parlerà de “I laici e la vita pubblica”. Il successivo dibattito sarà moderato da Paola Ricci Sindoni. Mercoledì 15 marzo, sarà la volta di don Antonio Loffredo, parroco nel Rione Sanità di Napoli. Alla sua testimonianza si aggiungerà quella di “un operaio del Birrificio Messina, segno di speranza per la nostra città”. Il confronto con i partecipanti sarà moderato da Palma Maria Milazzo
Tutti gli incontri verranno trasmessi in streaming nella pagina del sito web diocesano (www.diocesimessina.it) dedicata alla Settimana Teologica 2017.
martedì 14 marzo 2017

Cristina D'Arrigo

    Vai a pagina
    segui il meteo
    lun 26
    27°-22°
    mar 27
    29°-22°
    mer 28
    29°-22°
    gio 29
    29°-23°