il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Notevole la cornice di pubblico

Disputata la finalissima “Prima Coppa Salvuccio Rao“

Stampa
Barcellona Pozzo di Gotto.   Nonostante il caldo torrido, una cospicua presenza di pubblico ha fatto da contorno alle finali delle due categorie, che hanno dato vita nel campetto “Caracocci Sport Club” alla prima edizione della “Coppa Salvuccio Rao”, torneo di calcio a cinque, in memoria dell’allenatore scomparso prematuramente lo scorso anno, il quale insieme ad Antonio Bucca è stato il fondatore della “Promosport”. Si può definire una missione compiuta quella intrapresa da Milo Bucolo e compagni, adolescenti contrassegnati dall’intento di onorare una persona dai grandi valori sportivi ed umani. “Possiamo ammettere che tutto sia andato a buon fine, nonostante le difficoltà, – ha sottolineato il giovanissimo Milo Bucolo – ma grazie all’aiuto ed alla collaborazione di tutti abbiamo conseguito un importante successo testimoniando che non è necessario essere adulti, ma si possono organizzare eventi a tutte le età. Riteniamo di avere fatto oltre le nostre possibilità offrendo a tutti l’opportunità di partecipare. Ciò costituisce un buon viatico per ripeterci il prossimo anno proponendolo magari a luglio per non creare difficoltà in quei giovani calciatori, che nei giorni di agosto iniziano la preparazione”. Senza dubbio egli non dimenticherà mai Salvuccio Rao perché ha lasciato a tutti loro un contributo di così ampia portata sociale e tecnica, che non smetteranno mai di volerlo bene. Del medesimo avviso è Benito Lanza: “è stato un torneo concepito in grande per ricordare il nostro mister. Ringrazio il gestore del campo per la disponibilità ed i capitani delle squadre per la loro cooperazione. Ci fa piacere ricevere i complimenti dimostrando la valenza di far parte di una società importante, quale la Promosport”. Nunzio Iarrera ne ha tracciato il bilancio positivo: “Vogliamo trasmettere il messaggio di una persona che, pur essendo scomparsa, ha lasciato in retaggio il valore del rispetto reciproco ed altrui alla base della sana competizione sportiva e sociale”. Salvatore Alesci è contento per l’adesione ampia degli spettatori: “Ringrazio il Mister Bucca che ci ha autorizzato a realizzare il torneo”. Antonio Maiorana ha focalizzato la sua attenzione sull’organizzazione: “è stata dura realizzare questo torneo, ma lo abbiamo fatto per Salvuccio Rao”. Per la cronaca sportiva la finale nella categoria “Under 20” ha visto prevalere i Futsal Team sui Glamour col risultato di 6-2, mentre in quella “Open” le Officine Fit Club Milazzo hanno battuto i Mai ‘na gioia per 9-6. Ciò, che conta, è stata tuttavia l’atmosfera di sana ed amichevole competizione, nonostante qualche rude intervento da ritenersi fisiologico per la natura maschia della disciplina sportiva. Ad attestarlo sono stati peraltro i capitani delle due compagini: “Una bella partita fra squadre che hanno meritato la finale. – ha sottolineato Luca Fazio, capitano di Mai na gioia, – Ritengo complessivamente correttissimo il torneo nel quale ci siamo divertiti tutti”. “Siamo molto contenti della vittoria, anche per la preparazione continua, dati i molteplici impegni attualmente in altre competizioni, nonché onorati per Salvuccio Rao, di cui sono ammiratore e discepolo. – ha chiosato Fabio Calabrò, capitano delle Officine Fit Club Milazzo – Giocavo nella Promosport, che mi ha dato la possibilità di conoscere un uomo dalla profonda umanità”. Un plauso dunque va a Milo Bucolo e soci, poiché hanno dimostrato che col rimboccarsi le maniche e credendo nei sani principi si possono raggiungere importanti obiettivi nello sport così come nella vita.
martedì 8 agosto 2017

Foti Rodrigo

    Vai a pagina
    segui il meteo
    lun 23
    17°-12°
    mar 24
    22°-17°
    mer 25
    22°-16°
    gio 26
    19°-13°
    ven 27
    19°-13°
    sab 28
    21°-13°