il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

I biancoscudati superano il Marsala in rimonta dopo una gara interminabile.

Messina, tre punti sudati: arriva la prima vittoria

Stampa
Finalmente i primi tre punti. Il Messina supera il Marsala in rimonta ed ottiene un successo fondamentale dopo i tonfi con Bari ed Igea. Il cambio di modulo produce i suoi effetti e mostra una squadra con una diversa mentalità, soprattutto nella prima frazione. Meno bene la ripresa, in cui i padroni di casa soffrono il calo fisico. 

MENTALITA’ - Non si può più sbagliare. Non sono più ammessi margini di errore dopo un avvio di stagione disastroso. Infantino mette da parte l’assetto tattico proposto nelle prime apparizioni e presenta un 4-3-3 più equilibrato e funzionale per provare a svoltare. Di fronte alla porta difesa da Meo, Porcaro e Cossentino agiscono da centrali, supportati da Dascoli e Genny Russo sulle corsie esterne. In mezzo al campo è Genevier a dettare i ritmi, con Bossa e Biondi a completare il reparto. In avanti Gambino terminale offensivo. Arcidiacono e Cocimano ai lati. Gara piacevole fin dalle prime battute. Il Messina cerca di condurre l’incontro e prendere le misure agli avversari, capaci di rispondere con la giusta intensità ai primi affondi dei padroni di casa. Alla prima vera discesa offensiva però il Marsala sblocca il punteggio, complice un’errata uscita in disimpegno da parte di Cossentino. Una palla vagante al limite dell’area biancoscudata trova pronto Sekkoum nella battuta a rete che costringe Meo a raccogliere la sfera in fondo al sacco. I peloritani non ci stanno e reagiscono velocemente, spinti anche dalla curva. E’ Arcidiacono il più attivo tra i padroni di casa, il più intraprendente e determinato. Da una sua giocata, infatti, arriva il gol del pareggio dopo un ottimo suggerimento di Bossa in verticale, finalizzato proprio dall’esterno d’attacco di Infantino, bravo a saltare Giappone in uscita e a depositare in rete. Il gol trasmette fiducia e consente al Messina di muoversi con più lucidità in mezzo al campo e in fase di impostazione. Manovra più rapida e fluida, squadra galvanizzata e maggiormente convinta. Il Marsala è in apprensione. Intorno alla mezzora risultato capovolto: ci provano Arcidiacono prima e Bossa poi, esaltando i riflessi di Giappone per due volte fino alla conclusione vincente, in diagonale, di Cocimano. Altra mentalità, altro gioco. Altro Messina. Passano appena tre minuti e Bossa inventa un filtrante da applausi per Arcidiacono che vince un rimpallo col portiere avversario in uscita disperata e firma il tris. Nel finale di tempo Gambino sfiora addirittura il poker, con un’incornata che si spegne alta. 

FATICA - Il Marsala torna in campo con una novità per provare a riequilibrare l’incontro e recuperare il doppio svantaggio. Chianetta lancia Manfre al posto di Lo Nigro, spostando Sekkoum davanti alla difesa. Sono proprio gli ospiti a creare i presupposti per la prima occasione della ripresa: Bossa sbaglia in alleggerimento e consente la conclusione avversaria dal limite che termina sul palo, a Meo ormai battuto. Il Messina non mostra la stessa intensità della prima frazione e lascia l’iniziativa agli avversari, che collezionano angoli. Sugli sviluppi di uno di questi arriva la rete che riapre tutto: Meo respinge malamente un pallone vagante sul quale si avventa Candiano che non sbaglia. Messina non pervenuto nei primi venti minuti, in cui sembra rivedersi la squadra delle partite con Bari ed Igea. Poi finalmente i peloritani si scuotono e tornano a rendersi insidiosi. A metà ripresa sono però ancora i biancoblu con Barraco a spaventare i tifosi in curva con una punizione dal limite che trova pronto Meo alla respinta in corner. Il Messina resiste con fatica, riuscendo a difendere il vantaggio e a portare a casa la prima vittoria di questo campionato. 

MESSINA 3 
MARSALA 2 
MARCATORI Sekkoum (MA) al 12’ p.t. e al 36’ p.t.; Arcidiacono (ME) al 16’ p.t.; Cocimano (ME) al 33’ p.t.; Candiano (MA) al 8’s.t. 

MESSINA (4-3-3): Meo; Dascoli, Cossentino, Porcaro, Russo; Bossa (Cimino dal 19’ s.t.), Genevier, Biondi (Carini dal 29’ s.t.); Cocimano (Traditi dal 28’ s.t.), Gambino, Arcidiacono. (Ragone, Rabbeni, Biancola, Pizzo, Barbera, Petrilli). All. Infantino. 

MARSALA (4-3-3): Giappone; Giuffrida, Giardina, Fragapane, Galfano; Candiano (Corsino dal 53’ s.t.), Lo Nigro (Manfre dal 1’ s.t.), Prezzabile; Sekkoum, Balistreri, Tripoli (Barraco dal 43’ p.t.). (Jaber, Benivegna, Parisi, Giannusa, Ciancimino, Neri). All. Chianetta. 

ARBITRO Sig. Cinti di Viterbo. 
NOTE Spettatori 250 circa. Ammoniti Russo, Sekkoum, Arcidiacono, Giardina, Barraco, Biondi, Giuffrida. Corner 3-5 Recupero 4’ e 12’.
domenica 30 settembre 2018

Carmelo Previti

    Vai a pagina
    segui il meteo
    ven 14
    15°-10°
    sab 15
    22°-15°
    dom 16
    16°-11°
    lun 17
    16°-11°
    mar 18
    16°-11°
    mer 19
    16°-11°