il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Esordio al Franco Scoglio contro la corazzata Bari

Messina, si riparte: torna il campionato

Stampa
Si ricomincia. Il tempo delle attese, delle voci, delle critiche e delle speranze è ormai alle spalle. A parlare adesso sarà il campo. Riparte il campionato di Serie D e il Messina, dopo un’estate turbolenta, tra scossoni e rivoluzioni, si prepara a ripartire da zero per gettarsi a capofitto in una nuova avventura. A mister Infantino, in evidenza sulla panchina dell’Acireale nella passata stagione, il compito di plasmare una squadra allestita rapidamente e a sua disposizione da sole poche settimane. 

CONDIZIONE - Il calendario offre sicuramente spunti interessanti, già a partire dalla prima giornata, in programma domenica, quando al Franco Scoglio si presenterà il Bari, in una sfida tra nobili decadute, dal sapore particolare. Un incontro che darà suggerimenti importanti anche in chiave fisica, con il Messina apparso in difficoltà nelle due apparizioni di Coppa Italia con Igea Virtus e Città, aspetto sul quale tecnico, staff e giocatori dovranno certamente adoperarsi per essere pronti il prima possibile. Magari già dal match con i pugliesi, nel quale conteranno soprattutto le motivazioni e l’approccio contro una compagine che parte con i favori del pronostico. Bisognerà lavorare sulla testa, cercando di migliorare la tenuta del campo e la gestione della palla, facendo tesoro della prestazione di coppa con il CdM che, se pur favorevole nel risultato, ha evidenziato lacune tattiche da non ripetere. I ragazzi sosterranno oggi una doppia seduta, che li porterà all’allenamento di domani fino alla rifinitura prevista per sabato. 

MERCATO - E’ chiaro che ancora manca qualcosa. Degli interventi in entrata andranno fatti per completare un quadro al quale vanno aggiunti sicuramente altri tasselli, come affermato nei giorni scorsi dallo stesso presidente Sciotto. Si insiste su determinati profili, che possano portare in riva allo stretto il giusto mix di esperienza e freschezza. Aggregati alla squadra i giovani Cimino e Dascoli, due under che potranno ritagliarsi il loro spazio e garantire a mister Infantino due valide alternative in mezzo al campo. Intanto, è pronto a sposare la causa biancoscudata anche Gael Genevier, atterrato proprio ieri sera in Sicilia. Centrocampista ed esterno di fascia, il 36enne francese rappresenta una risorsa fondamentale per il Messina, visto il suo palmares e le numerose presenze in categorie superiori con le maglie, tra le tante, di Siena, Torino e Pisa.  

AVVERSARI - Forse l’esordio più complicato. Ma anche il più stimolante. Il Bari è la grande forza di questo girone, quella che sulla carta risulta la maggiore pretendente al successo finale. La società pugliese, rilevata in estate dal presidente Aurelio De Laurentiis dopo il fallimento e fino all’ultimo in corsa per il ripescaggio in Lega Pro, può vantare sicuramente una delle rose più attrezzate e competitive, con la presenza di elementi di spessore già protagonisti in palcoscenici di più alta caratura. Il nome che spicca è quello di Franco Brienza, 39 anni ma in grado ancora di fare la differenza. Per lui tante esperienze tra A e B, con anche due presenze in nazionale all’attivo. Sarà però assente al Franco Scoglio in virtù delle tre giornate di squalifica che è chiamato a scontare. Tra gli altri il portiere Maurantonio, il centrocampista Bolzoni, il difensore Di Cesare, la scorsa stagione a Parma con cui ha addirittura conquistato la promozione nella massima serie; fino ad arrivare a Demiro Pozzebon, già passato proprio da Messina. A questi l’aggiunta di giovani interessanti e pronti a prendersi la scena per una stagione da protagonisti. Una stagione che domenica accenderà i riflettori per la prima grande sfida.
giovedì 13 settembre 2018

Carmelo Previti

    Vai a pagina
    segui il meteo
    sab 22
    30°-26°
    dom 23
    29°-25°