il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Pareggio che non serve a nessuno dopo una gara condizionata da poche fiammate. nulla di più.

Messina, il mal di trasferta continua: reti bianche ad Eboli

Stampa
La maledizione prosegue. Il Messina non riesce a sbloccarsi lontano dalle mura amiche. Altro pareggio, l'ennesimo, dopo una gara condizionata da poche fiammate, nulla di più. Gli uomini di Facciolo non riescono ad esprimersi per come sono abituati al Franco Scoglio, come se gli interpreti tra le gare interne e quelle esterne fossero quasi diversi. 

STATICITA' - L'Ebolitana per un miglior piazzamento in zona play out. Il Messina per sfatare il tabù trasferta e provare a mantenere accesa la speranza quinto posto, ormai quasi irraggiungibile visti i nove punti di distacco rispetto all'Ercolanese. Nuova chance per Rinaldi tra i pali, dopo le buone prestazioni nelle recenti apparizioni. Davanti a lui ritrova posto Manetta al fianco di Bruno, con Lia e Inzoudine a completare la retroguardia difensiva. Novità Bossa in mezzo al campo, coadiuvato da Lavrendi e Cozzolino. Migliorini scivola in panchina. In avanti confermatissimo il tridente che Mercoledì scorso ha steso il Palazzolo. Ottimo avvio dei padroni di casa, pimpanti e aggressivi fin dalle prime battute. Sono proprio i campani a rendersi pericolosi per primi grazie ad una intuizione di Federico, bravo a sfruttare un'indecisione della retroguardia biancoscudata e a tentare la conclusione a rete di prima intenzione. Fortuna per il Messina che la mira è leggermente imprecisa e il tiro si spegne alto, sopra la traversa. Gli ospiti faticano nelle fasi iniziali e cercano di uscire attraverso la qualità degli uomini in mezzo al campo, ma rischiano intorno al ventesimo, quando Della Corte riesce a trovare lo spazio giusto per bucare la retroguardia siciliana e a concludere, prima di essere stoppato dall'intervento salva risultato di un avversario. A questo punto il Messina si scuote e inizia a giocare, prendendo in mano il pallino del gioco e cercando di pungere impostando l'incontro sui propri ritmi. E' Mascari ad avere il pallone del possibile vantaggio, ma il suo tentativo non va a buon fine. Sul finire di frazione la giovane punta peloritana ha una seconda possibilità, che non riesce a concretizzare dopo una interessante sponda di Ragosta. Il cobra è l'ultimo a provarci prima del duplice fischio del direttore di gara, con un colpo di testa su suggerimento di Bossa che spaventa Lombardo. Forse la chance più ghiotta in un primo tempo tutto sommato equilibrato. 

RETI BIANCHE - I secondi quarantacinque minuti di gioco si aprono con due novità tra le fila biancoscudate. Facciolo getta nella mischia Migliorini e Cocuzza, richiamando in panchina Bossa e Ragosta. Stessi ritmi della prima frazione, la gara si fa più vivace nelle fasi iniziali. Botta e risposta tra le due compagini, Inzoudine risponde con un diagonale al tentativo di Della Corte. I campani prendono fiducia e alzano il proprio baricentro, cambiando intensità e mettendo in apprensione la difesa del Messina con Scalzone e Coulibaly, i cui inserimenti con e senza palla sembrano creare parecchie difficoltà a Bruno e compagni. Facciolo allora cambia ancora, inserendo Balsamà e Carini per cercare di dare freschezza e proporre alternative ad una squadra, il Messina, incapace di pungere e sbloccare la sfida. Diversi gli interpreti in campo, il punteggio però non cambia. Ebolitana viva e in partita, maggiormente convinta degli ospiti nella ricerca del gol del vantaggio, soprattutto con Stoia che, insieme a Scalzone, è sicuramente uno dei più attivi tra i biancoazzurri. I campani ci provano fino agli ultimi istanti. Il Messina perde convinzione e si difende. Un pareggio che non serve a nessuno. 

EBOLITANA 0 
MESSINA 0 

EBOLITANA (4-4-2): Lombardo; Russo, Pecora, De Angelis, Padovano; Scalzone, Coulibaly, Federico (Serroukh dal 21' s.t.), Nigro; Della Corte (Stoia dal 9' s.t.), Mounard (Gambardella dal 47' s.t.). (Mazzella, Ruggiero, Vacca, Alfinito, Guisse, Viscido). All. Pepe. 

MESSINA (4-3-3): Rinaldi; Lia, Bruno, Manetta, Inzoudine; Cozzolino (Balsamà dal 18' s.t.), Bossa (Migliorini dal 1' s.t.), Lavrendi; Rosafio (Stranges dal 39' s.t.), Mascari (Carini dal 19' s.t.), Ragosta (Cocuzza dal 1' s.t.). (Meo, Barbera, Bucca, Iudicelli). All. Facciolo. 

ARBITRO Sig. D'Ancora di Roma 1. 

NOTE Ammoniti Russo, Mascari, De Angelis, Padovano. Corner 1-3 Recupero 1' e 3'.
domenica 8 aprile 2018

Carmelo Previti

    Vai a pagina
    segui il meteo
    lun 23
    14°-6°
    mar 24
    13°-5°
    mer 25
    9°-7°
    gio 26
    10°-7°
    ven 27
    11°-7°