il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Un tributo al compianto Capitano della Fiorentina

Ricordando Davide Astori

Stampa
Il mondo dello sport, e del calcio più nello specifico, vive di date storiche, incastonate nei libri e negli almanacchi per lasciare il ricordo alle generazioni future: 9 Luglio 2006, 5 Maggio 2002, 13 Novembre 2017, per fare alcuni esempi. Si può ovviamente trattare di memorie belle ed emozionanti, così come di rievocazioni dolorose. Il 4 Marzo 2018 è stata e sarà sempre una data da ricordare per due motivi in particolare, sportivi e non: le elezioni politiche in Italia e la tragica morte di Davide Astori, capitano della Fiorentina, all’età di 31 anni. Dopo un sabato thrilling di campionato, il mondo del calcio italiano è in attesa del derby di Milano da giocarsi domenica sera (4 Marzo, per l’appunto), ma quella mattina qualcosa accade. Nell’hotel di Udine dove la Fiorentina alloggiava prima del match pomeridiano in casa della squadra friulana, il capitano Davide Astori viene ritrovato morto nella sua stanza; nessun segno di colluttazione, nessun oggetto fuori posto. è stato un arresto cardiaco nel sonno a stroncare la vita del trentunenne difensore viola, che lascia una moglie ed una figlia di due anni. Viene diffuso il comunicato della morte dalle agenzie di stampa ed il mondo del calcio piomba in un enorme sconforto. Contemporaneamente, le critiche ed i dubbi da subito emersi sullo staff medico della Fiorentina sono stati immediatamente fugati dalla rettifica sui controlli eseguiti su Astori nei giorni immediatamente precedenti alla partita: risale infatti agli ultimi di Febbraio l’ultimo check-up sulle condizioni fisiche del difensore, che tuttavia non ha evidenziato alcuna criticità sul suo stato di salute. I funerali sono stati celebrati l’8 Marzo a Firenze di fronte a 10.000 persone, e sia Fiorentina che Cagliari (i due team in cui ha collezionato più presenze) hanno deciso di ritirare la maglia n.13 in suo onore. Il presidente del CONI, nonché attuale commissario straordinario della Lega Serie A, Giovanni Malagò ha comunicato che le partite della domenica sarebbero state rinviate per onorare la memoria del calciatore scomparso. Una decisione difficile, ma giusta. Saranno parecchie le controversie da gestire in materia di biglietti acquistati, rimborsi da ottenere e nuove date all’interno delle quali organizzare le partite saltate, specialmente in virtù del fitto calendario che porterà al Mondiale di questa estate. Sembra essere già stata individuata la settimana post festività pasquali come la migliore per recuperare tutti i match, salvo il derby di Milano; in questo caso, infatti, bisognerà rimanere in attesa del destino del Milan in Europa League prima di poter prendere una decisione definitiva.
domenica 11 marzo 2018

Maurizio Russo

    Vai a pagina
    segui il meteo
    sab 17
    22°-15°