il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita e onesta

Primo premio a "Ombre" di Rocco Pulitanò e a "Tu si a me stidda" di Natale Cutrupi

La XII edizione del Premio Nazionale di Poesia “Sotto l´Egida dell´Amore“

Stampa
Primo premio a "Ombre" di Rocco Pulitanò e a "Tu si a me stidda" di Natale CutrupiLa XII edizione del Premio Nazionale di Poesia "Sotto l'Egida dell'Amore" Nella sezione Giovani, vince la poesia "L'universo ai miei occhi" di Alda Sgroi
Pomeriggio culturale con liriche e gradevoli momenti musicali nella XII edizione del premio nazionale di poesia "Sotto l'Egida dell'Amore" dedicato a Melina Freno, madre esemplare e amica sincera. 
Ad organizzare l'evento e l'intera cerimonia di premiazione, svoltasi nella maestosa location del salone delle Bandiere del Comune di Messina, l'associazione culturale "Studio d'Arte l'étoile" presieduta dalla dott.ssa Titti Crisafulli, figlia dell'indimenticabile Melina Freno "la cui esistenza è stata scandita da grandi valori affettivi e da immenso amore per la famiglia e per la vita".Al concorso poetico nazionale, articolato in tre sezioni: italiano, vernacolo e sezione giovani, hanno partecipato poeti provenienti da tutte le regioni d'Italia. Anche quest'anno, come le precedenti edizioni, le poesie partecipanti sono state raccolte in una elegante antologia. La speciale giuria, che ha scelto i vincitori è stata presieduta da Caterina Morabito Pellicanò, componenti Mariella Di Giorgi Denaro, Graziella Lo Vano, Filippo Scolareci e Angelo Savasta. 
Al primo premio per le due sezioni: italiano e dialetto sono state assegnate due statue in bronzo che rappresentano la maternità, simbolo del premio, scolpite dalla scultrice Maria Troise “Bunny”. 
La manifestazione, condotta dalla Crisafulli, si è svolta in maniera sobria ed elegante, il primo premio per la sezione italiano, è stato assegnato a "Ombre" di Rocco Pulitanò; secondo posto a "Polvere" di Laura Grazia Di Sotto (Frosinone); terzo posto per "Emozioni" di Giovanni Malambrì; quarto posto per "Pioggia di perle" di Domenico Sergi. Menzioni d'onore a "Il viaggio alla Madonna della Milicia" di Angelo Abbate di Bagheria; "Tu" di Mirco Rotondo; "Osservando" di Giovanna Faro; "Parole mai dette" di Carmela Ricciardi; "Così è l'amore, e vivrò per te" di Renato Di Pane; "Pescatore" di Silvana Foti; "Il violinista" di Rocco Amato; "Oltre la vita" di Melania Sciabò Vinci; "Di te io vivo" di Luigi Antonio Pilo; "Desiderio di te" di Francesco Rigano; "Dedicato a te" e "Amore sulle labbra" di Carmelo Cossa (Torino); "Sorriso" di Giusi Baglieri; "Impasse" di Giuseppe Borzumati (Reggio Calabria); "Filo" di Santina Folisi.
Nel corso della cerimonia è stato assegnato il premio internazionale "William Shakespeare" alla memoria di Melina Freno Crisafulli per la sua grande umanità e generosità, la consegna anticipata dalle note dell'Inno Nazionale è stata curata dal prof. Domenico Venuti, consigliere nazionale dell'Anf e Rettore del Cobge inspired Onu Unesco Oms. Gradevoli i momenti musicali scanditi dal soprano Licia Costa e del maestro Angelo Minutoli.Per la sezione in vernacolo, il primo premio è stato assegnato alla poesia "Tu si a me stidda" di Natale Cutrupi; secondo a "Na" vintada d'amuri" di Rosaria Lo Bono; terzo posto "Ora ca si nto munnu di la paci" di Cinzia Vincenza Pitingaro di Castelbuono (PA); quarto posto "Na cosa sula semu" di Giovanni Malambrì. Menzioni d"onore a "Mamma" di Mimmo Demetrio Latella; "Pensu e sonnu" di Angela Bono; "A to voci cussì mi iunci o cori" di Salvatore Gazzara; "A sciarriddera" di Carmelo Pilota; "Terra picca amata" di Frank Schirò; "Ciavuru damuri" e "U me sentimentu" di Antonio Barraccato di Cefalù; "Bedda figghia" di Sebastiana Aliberti; "Cantu d'amuri a me città" di Paola Savoca; "Non trovu paci" di Grazia Dottore.Per la "sezione Giovani", primo posto per la poesia "L'universo ai miei occhi" di Alda Sgroi; secondo "Il fondale del mio mare" di Clara Mazzeo; terzo ex aequo a "Tutti nel cuore" di Antonino Arena e "Sono fortunato" di Carmelo Pizzolo.
La Casa Musicale Antonino Sanfilippo ha messo in palio quattro chitarre, che sono state assegnate ad Angela Bono per la poesia "Sogni di carta"; Giovanni Macrì per la poesia "Sussulto"; Rosalba Di Pietro per la poesia "Quannu sutta i stiddi nascisti tu" e a Clara Mazzeo per la poesia "Il fondale del mio mare". Consegnati diplomi di merito a Concetta Cavallaro Calabrò, Giuseppe Cardella, Francesco Canzonieri, Sara Celano, Maria Rita Chirieleison, Angelo Copia, Paola Cozzubbo, Maria Forestieri, Teresa Fresco, Salvatore Greco, Luigia Inzillo, Filippo Lombardo, Morena Meoni, Fortunata "Tita" Morabito, Maria Luisa Orsi Sigari, Nuccia Neri, Agata Piccione, Alessandra Santa Raciti, Caterina Sarica, Filippo Scarfì, Francesco Scarfì, Franca Scolari Papalia, Francesco Truscello e Mek Zodda.
giovedì 24 ottobre 2019


    Vai a pagina
    segui il meteo