il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita e onesta

Lungo percorso di recupero di 13 Forti dello Stretto

Il maestoso forte “Siacci” nella rete dei forti promossa da Enzo Caruso e Pietrangelo Petten˛

Stampa
Enzo Caruso, nella qualità di referente presso la comunità scientifica del Coordinamento dei Forti dello Stretto, e il veneziano Pietrangelo Pettenò, promotore del Network internazionale “FORTI che UNISCONO – FARO per i Forti”, sottoscritto a Corfù e firmato ad aprile scorso presso il Forte San Salvatore, hanno preso parte al seminario organizzato dal Sindaco di Campo Calabro, Sandro Repaci, e coordinato dall’Arch. Veronica Calveri, per annunciare l’acquisizione del Forte “Siacci” (ex Batteria Matiniti Superiore), ceduto recentemente dal Demanio Militare al Comune reggino.
Alla presenza di architetti, ingegneri, imprenditori e del numeroso pubblico, Caruso e Pettenò hanno tracciato il lungo percorso di recupero di 13 Forti dello Stretto (dei 23 appartenenti all’intero Sistema fortificato), di cui 8 a Messina e 5 sulla costa calabra, e delle loro potenzialità come attrattori turistici e ambientali per l’intera Area dello Stretto.Con l’acquisizione del Forte Siacci sulla sponda calabra, “gemello” di Forte Masotto a Messina per imponenza e maestosità, da parte del Comune di Campo Calabro, si aggiunge un altro tassello alla valorizzazione del Sistema Fortificato dello Stretto costruito nel tardo Ottocento, entrato recentemente a gran titolo nel Network Internazionale delle città fortificate, con la “Firma della Carta di Corfù” da parte delle Associazioni concessionarie, dei Comuni, delle Soprintendenze e delle Università dell’Aera dello Stretto.Grazie al lungo lavoro condotto dall’amministrazione guidata dal Sindaco Sandro Repaci, il Forte Siacci, è stato trasferito, in questi giorni, dalla titolarità del Demanio Militare alla disponibilità del Comune di Campo Calabro che ieri ha riaperto i battenti al numeroso pubblico accorso per ammirare i molteplici spazi architettonici interni e il panorama mozzafiato dello Stretto osservabile dagli spalti.
domenica 1 settembre 2019


    Vai a pagina
    segui il meteo